Martedì, 21 Settembre 2021
Politica

Matteo Renzi contro gli amministratori grillini: "Che brutta figura"

Il segretario del Pd accusa: "Non hanno preso le distanze dai violenti"

Matteo Renzi contro l'amministrazione grillina. Il segretario del Pd non le manda a dire e dopo gli scontri degli ultimi giorni a Torino e a Venaria, in occasione del G7 dei ministri Industria, Scienza e Lavoro, esprime sui social il proprio sdegno. "Torno a casa e in tv vedo che i manifestanti contro il G7 di Torino stanno decapitando due manichini, uno col mio volto, uno col volto del ministro del lavoro. Questi signori hanno installato una ghigliottina e pensano di essere simpatici ricordando le macabre esecuzioni del passato. Non mi fanno impressione le pagliacciate".

"Hanno fatto fare una figuraccia a Torino"

E Renzi va avanti: "Però in questa vicenda ci sono agenti di polizia, carabinieri, uomini delle nostre forze dell'ordine che vengono feriti sul serio, non a parole. Le botte le hanno prese davvero, loro: hanno prognosi fino a 40 giorni. E ci sono squallidi amministratori comunali che non hanno avuto la forza - o la voglia - di spendere una parola per prendere le distanze da certe formazioni anarchiche o presunti tali, da centri sociali, da persone abituate a vivere di violenza quantomeno verbale... E mi fa effetto vedere amministratori comunali, pagati da tutti i cittadini, che anziché schierarsi con le forze dell'ordine e con le istituzioni, rilanciano le immagini della rivoluzione francese e dei tempi della ghigliottina.

Troppo facile prendere le distanze a parole e poi però sfilare con i violenti nei cortei. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all'anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d'Italia. Peccato. Il mio affetto, la mia solidarietà, la mia gratitudine alle forze dell'ordine e agli agenti feriti".

Il sostegno alle forze dell'ordine della sindaca

Renzi non nomina direttamente la giunta torinese ma il riferimento è evidente. Chiara Appendino in una nota, a margine dell'inaugurazione delle Ogr di sabato sera, ha espresso il sostegno alle forze dell'ordine "per gli attacchi subiti e auguro una pronta guarigione agli agenti feriti". Ha poi ringraziato tutti coloro che hanno partecipato e coordinato le operazioni, garantendo la sicurezza e l'ordine pubblico.

Parole a cui il senatore Pd Stefano Esposito non ha dato un grande peso: "Non basta la solidarietà a poliziotti feriti senza la condanna di Askatasuna - scrive su Facebook, rivolgendosi alla sindaca -. Il vicesindaco Montanari è una vergogna per Torino, licenzialo". E anche se in realtà Montanari nel week-end era lontano da Torino, al corteo di manifestanti diretto a Venaria, sabato pomeriggio era presente un'altra rappresentante del Movimento Cinque Stelle. A sfilare per un tratto, c'era Viviana Ferrero, consigliera grillina che sui social ha postato foto delle famose brioches e dichiarato: "La cosa che hanno ottenuto i sette grandi del mondo chiusi come nobili nella Venaria - Versailles è che li chiameranno per sempre "mangiatori di brioches".

La città di Torino chiude il G7 con 4 bidoni rotti e tanti consiglieri vicini a chi manifestava pacificamente il dissenso. Una città che ha aperto al dibattito pubblico, che ha recepito la grande problematica del momento: la precarizzazione del lavoro, la mancanza del lavoro, la necessità di rivedere l'economia neo liberista.

I magnifici sette hanno concluso da notizie giornalistiche il summit con l'impegno ad "adottare un approccio inclusivo al mercato del lavoro, con particolare attenzione ai più deboli della nostre società, per assicurare che nessuno sia lasciato indietro". Il documento del G7 guarda soprattutto ai «gruppi sociali particolarmente esposti alla perdita di un impiego e alla riduzione dei salari", come disabili, donne, giovani, lavoratori maturi o meno qualificati". E dovevano venire fino a Venaria per scrivere queste cose?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Renzi contro gli amministratori grillini: "Che brutta figura"

TorinoToday è in caricamento