menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una legge per sostenere le donne colpite da endometriosi

La malattia, difficile da diagnosticare ma molto diffusa, colpisce in età fertile

Approvata la legge regionale sull'endometriosi, frutto della sintesi di tre proposte presentate rispettivamente dai gruppi Pd, FI e FdI. Uno strumento per aiutare le donne a far fronte a questa malattia femminile, tanto diffusa quanto difficile da diagnosticare, che colpisce in età riproduttiva.

La legge - in particolare - prevede che la Giunta regionale approvi le linee guida per il percorso diagnostico-terapeutico multidisciplinare e per il controllo periodico delle pazienti affette da endometriosi, proposte da un Osservatorio regionale sulla malattia. Inoltre individui le strategie per realizzare i programmi predisposti dall’Osservatorio stesso, per l’aggiornamento del personale medico e i centri regionali di riferimento.

Il provvedimento prevede anche una maggiore partecipazione delle associazioni che si occupano di tale malattia, attraverso il loro coinvolgimento nelle campagne di informazione riguardanti i percorsi terapeutici e di prevenzione.

"Anche il Piemonte, dopo un percorso condiviso iniziato quasi due anni fa - ha sottolineato la consigliera Valentina Caputo (Pd) esprimendo soddisfazione per il lavoro svolto in Commissione - ha finalmente una legge che tutela le donne affette da endometriosi, patologia cronica e spesso progressiva che causa danni alla salute della donna e che spesso è anche motivo di infertilità”.

"Abbiamo reso onore alla dignità delle donne - ha detto Franco Graglia (FI) - e questo mi rende particolarmente orgoglioso". 

"La mia proposta - ha osservato il consigliere Maurizio Marrone (FdI) - già mirava al riconoscimento dell’endometriosi e all’istituzione di un registro regionale. La proposta che stiamo per approvare va oltre creando un vero e proprio osservatorio che darà piena cittadinanza alle tante pazienti colpite da tale patologia e finalmente creerà anche una sensibilizzazione per curare meglio le tante donne che ne hanno bisogno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento