menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assegni di studio, oltre 56 mila domande ammesse a istruttoria

Entro l'autunno sarà redatta la graduatoria di quelle ammesse a finanziamento

Sono complessivamente 56.879 le domande per ricevere il contributo regionale relativo agli assegni di studio (42.536) e quello statale per i libri di testo (14.343) arrivate agli uffici dell’assessorato all’Istruzione della Regione Piemonte, ammesse a istruttoria. Quest’anno per l’erogazione degli assegni di studio è stato emesso un unico bando per gli anni scolastici 2014/2015 e 2015/2016, con la possibilità per le famiglie di presentare domanda per ciascuna singola annualità, oppure per entrambe.

Le domande presentate per il 2014/2015 sono state 19.537, di cui 3.575 per gli assegni di iscrizione e frequenza, 15.962 per le spese relativi ai libri di testo, alle attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa e ai trasporti. Per il 2015/2016, invece, sono arrivate 37.342 domande, di cui 3.576 per iscrizione e frequenza, 19.423 per i libri di testo, le attività integrative e i trasporti. Con lo stesso modulo utilizzato per la richiesta del contributo regionale per l’assegno di studio, le famiglie piemontesi hanno potuto richiedere anche il contributo statale per i libri di testo per l’anno scolastico 2015/2016. In questo caso sono state presentate 14.343 domande. 

Una volta terminata l’attività istruttoria delle domande degli assegni di studio, da quest’anno passata dai comuni alla Regione, entro l’autunno sarà redatta la graduatoria di quelle ammesse a finanziamento. Intanto, nel corso del 2016, la Regione ha saldato tutti i pagamenti arretrati relativi ai precedenti bandi.

Credo sia giusto sottolineare - dichiara l’assessora all’Istruzione Gianna Pentenero -, dopo i ritardi degli anni passati, l’impegno che questa Giunta si sta assumendo nel raggiungere l’allineamento tra l’emissione di un bando e l’erogazione delle risorse. Giovedì illustrerò, in sede di VI Commissione, le nuove modalità e relative tempistiche con cui pensiamo di sostenere le famiglie nelle spese che riguarderanno nei prossimi anni beni e servizi legati alle attività scolastiche”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento