Martedì, 21 Settembre 2021
Politica Parella

Silvio Magliano (Pdl): "Incrocio pericoloso in piazza Chironi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Incrocio pericoloso in piazza Chironi, tra via Asinari di Bernezzo e via Borgomanero: rispondendo alla mia interpellanza, l’Assessore Lubatti parla di modifiche già attuate e in fase di valutazione, con tanto di planimetrie. Niente di più falso: sono andato a verificare, nessun nuovo segnale, i disegni sono rimasti sulla carta, o forse sono carta straccia. Le bugie in Sala Rossa sono inaccettabili: scelta politica o assurdo  tentativo degli uffici di coprire un ritardo?

Non ci interessano i motivi, ma se un Assessore dice bugie in Sala Rossa, rispondendo a  un’interpellanza sollecitata dai cittadini, allora c’è di sicuro un grave problema istituzionale e forse un problema politico e di rappresentanza. Lunedì, rispondendo a una mia interpellanza sollecitata da cittadini preocupati, l’Assessore Lubatti garantisce come dal 4 luglio sia stato collocato un segnale di stop al pericoloso incrocio di via Asinari di Bernezzo e via Borgomanero per segnalare ai veicoli provenienti da quest’ultima che devono dare la precedenza ai mezzi che percorrono via Asinari, confermando come la modifica sia in fase sperimentale e quindi soggetto a monitoraggio e verifica. Gli uffici di Lubatti forniscono anche la planimetria degli interventi, con tanto di indicazione dei segnali di nuova collocazione, in particolare uno stop. Sono andato a verificare, proprio lunedì sera e sono rimasto stupito nel constatare come non vi fosse traccia delle azioni raccontate dall’Assessore Lubatti in Sala Rossa.

Spero davvero che si sia trattato di un errore degli uffici, anche se trovo difficile credere che si dica che una modifica alla viabilità sia stata applicata il 4 luglio, con tanto di apposizione di cartelli, e che sia in fase sperimentale senza che si sappia che invece si tratta solo di un disegno su un file di un pc di un tecnico comunale. Se si trattasse di un tentativo degli uffici di dissimulare un ritardo, sarebbe gravissimo, ma un problema di competenza della Giunta che spero venga risolto con immediatezza e con la dovuta severità. Se, invece, si trattasse di un deliberato “depistaggio” da parte di un membro della Giunta, tra l’altro attuato in Sala Rossa, dove sovrani sono i cittadini, si aprirebbe un problema di fiducia tra il Consiglio Comunale e la Giunta stessa: un problema e un’assunzione di responsabilità a cui il Sindaco, in primis, e lo stesso Assessore Lubatti non potranno e non dovranno sottrarsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Silvio Magliano (Pdl): "Incrocio pericoloso in piazza Chironi"

TorinoToday è in caricamento