Politica Lingotto

Bar, ristorante, asilo e uffici: ecco i 47 piani della nuova Regione

Il grattacielo di 47 piani alto 210 metri è stato progettato dall'architetto Massimiliano Fuksas. Dalla primavera del 2015 opinerà la Giunta regionale e circa 2mila dipendenti dell'ente. Fino ad oggi è costato 161 milioni di euro

Nella primavera del prossimo anno la nuova sede della Regione Piemonte, il grattacielo di 47 piani progettato dall'architetto Massimiliano Fuksas, sarà ultimato. Ormai sono passati più di tre anni da quando il 30 novembre del 2011 erano iniziati ufficialmente i lavori e 7 anni dalla presentazione del progetto e, nella giornata di ieri, una delegazione di quindici consiglieri regionali ha effettuato un sopralluogo nel cantiere per vedere come procedono i lavori.

I consiglieri sono saliti fino al 35esimo piano del nuovo palazzo di zona Lingotto, la cui altezza sfiorerà i 210 metri. In totale sono previsti 47 piani, di cui 42 occupati da uffici e il resto da impianti e locali di servizio. All'interno del grattacielo saranno inoltre previsti un auditorium da 290 posti, due sale conferenze da 90 posti, un asilo nido, una mensa, due bar, un ristorante e tre piani di parcheggio interrati.

Il costo complessivo della nuova struttura è stato fino ad oggi di 161 milioni di euro. Soldi che nel tempo dovrebbero essere ammortizzati permettendo dunque un risparmio per l'ente. Negli uffici saranno trasferiti circa 2mila dipendenti, oltre la Giunta regionale presieduta oggi da Sergio Chiamparino.

Per quanto riguarda il Consiglio regionale non è previsto alcun trasloco al momento. Il sopralluogo è però servito ai consiglieri, tra cui era presente anche il Presidente Mauro Laus, per mettere in chiaro alcuni punti in modo tale da poter prendere una decisione sulla costruzione di un nuovo edificio da realizzare nella stessa area e del quale per il momento esistono solo le fondamenta. Edificio in cui verrebbe trasferito il Consiglio regionale appunto. "La prossima settimana riunirò i colleghi dell'Ufficio di Presidenza - ha detto Laus al termine del sopralluogo - per valutare quale sia la strada migliore da intraprendere e decideremo sul trasloco in base ai dati economici più vantaggiosi per l’ente, quindi per la collettività".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bar, ristorante, asilo e uffici: ecco i 47 piani della nuova Regione

TorinoToday è in caricamento