rotate-mobile
Politica Via Nizza, 230

Il Comune mette all'asta una serie di immobili: tra questi la Foresteria del Lingotto

Continuerà ad essere residenza universitaria

La Sala Rossa ha approvato un nuovo piano di vendita di immobili tramite asta pubblica. Tra i molti lotti immobiliari messi all'incanto, c'è anche la Foresteria del Lingotto situata al civico di via Nizza 230, con ingresso di fronte a Eataly, per cui la base d'asta è stata abbattuta, passando da 11 a 7 milioni e 300mila euro, più 200mila euro di arredi. In tutto sono 216 posti letto: 15 camere da 4 letti e 24 camere da 2 letti. Il 70% dei locali sarà destinato agli studenti dell'Università, delle scuole di formazione e dei master.

Il restante 30% a docenti, ricercatori e altri utenti dell'ambito accademico. Il Comune, che ha conferito agli uffici competenti il mandato di predisporre lo schema per bando di gara, cederà l'immobile, nella forma della proprietà superficiaria novantennale, a un privato che possa quindi investire e continuare a fornire il servizio di foresteria universitaria. Un'offerta di spazi importante agli studenti degli atenei torinesi che non deve mancare e non può essere sottovalutata. 

Gli altri immobili

Tra gli altri immobili da sottoporre ad asta pubblica, la cui delibera presentata dall'assessore Sergio Rolando, illustrata dal collega di Giunta Antonino Iaria e approvata con 20 voti: 

– otto appartamenti, tre locali uso terziario, due box auto ed altri sette posti auto ubicati in via Santa Chiara 56

– un locale commerciale in via Cervino 21 e porzione immobiliare piazza Teresa Noce, ambito ex Incet

– un compendio immobiliare in ambito ex Incet, dal civico 100/A al 108/A di via Cigna dal civico 21/A al 31/A di via Cervino.

– proprietà superficiaria novantanovennale per due locali commerciali situati in via Po, ai civici 18/f e 18/p

– porzione di locale commerciale in via Pessinetto, 15

– locale ex portineria in via Antinori, 3

Con vincolo di destinazione a servizi pubblici sono inoltre destinati ad asta pubblica:

– diritto di superficie novantanovennale per porzione immobiliare situata in via Cecchi 21/A angolo via Cigna (attrezzature di uso comune)

– diritto di superficie novantanovennale per il compendio sito in corso Principe Eugenio 18 angolo via Moris 9 (residenze collettive, housing sociale ed edilizia residenziale pubblica).

Le basi d’asta sono fissate da un minimo di 28.700 euro per l’ex portineria sino ai 5.460.000 euro per il compendio immobiliare Cigna/Cervino. Per gli appartamenti di via Santa Chiara, basi d’asta da 101.000 a 307.000 euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune mette all'asta una serie di immobili: tra questi la Foresteria del Lingotto

TorinoToday è in caricamento