Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica

Il bilancio della Regione vede la luce: sbloccati 300 milioni per la Sanità

La Regione Piemonte potrebbe chiudere in pareggio il bilancio 2013. Mancavano circa 450 milioni, ma il governatore Cota ha ottenuto il via libera del Governo all'utilizzo di 300 milioni di fondi Fas sul capitolo della Sanità

In un solo giorno la situazione economica della Regione Piemonte potrebbe aver ricevuto quella svolta tanto attesa. Nella mattinata di ieri il Governatore Cota aveva dato la brutta notizia: a giugno, con le rate dei mutui da pagare, la Regione avrebbe rischiato di avere una crisi di cassa. "Non voglio allarmare nessuno - aveva detto il capo della Giunta -, questo è un problema che si manifesta quando si sono fatti tanti debiti nel passato e non si riesce più a tappare il buco". Nel pomeriggio è arrivata però la lieta notizia dal Governo di Roma, cioè il via libera all'utilizzo di 300 milioni di fondi Fas sul capitolo della Sanità, i quali forniranno al Piemonte l'iniezione di liquidità maggiore.

All'appello ci sono ancora 150 milioni di euro da recuperare per chiudere in pari il bilancio del 2013. Si agirà su più fronti per riuscire a trovare la liquidità mancante, iniziando con il richiedere allo Stato di pagare i debiti che ha con il Piemonte e tentando di rinegoziare i mutui con La Cassa Depositi e Prestiti. "La Regione - ha sottolineato Cota - non farà nuovi mutui, nel 2013 le uscite del bilancio regionale dovranno corrispondere perfettamente alle entrate. Non voglio fare la minima polemica, ma il Piemonte da molti anni spende più di quello che incassa e questo ha portato a un indebitamento progressivo che oggi non possiamo più permetterci".

Questione tagli. L'assessore al Bilancio Giovanni Quaglia ha illustrato quello che la Giunta ha previsto di fare per poter diminuire le spese. Parole che però non hanno convinto il Pd, che ha rimarcato come si voglia tagliare troppo su politiche sociali, cultura, sport, turismo, istruzione e funzioni delegate alle Province, che passerebbe da 200 a 95,5 milioni. "I richiami al senso di responsabilità - commenta il capogruppo del Pd, Aldo Reschiga - Cota dovrebbe rivolgerli innanzitutto a se stesso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bilancio della Regione vede la luce: sbloccati 300 milioni per la Sanità

TorinoToday è in caricamento