Fondi europei, Cerutti (Sel): "Non c'è una progettualità"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

E' stato presentato questa mattina a Torino il Documento Strategico Unitario per la programmazione dei fondi europei a finalità strutturale 2014-2020. Sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente della Regione Roberto Cota e l'assessore al bilancio Gilberto Pichetto. Quest'ultimo ha tracciato una fotografia di quella che a suo avviso è la ricetta per il rilancio economico e produttivo del Piemonte.

L'assessore Pichetto ha spiegato che la nostra Regione ha potuto distinguersi nel resto del Paese grazie alla produzione manifatturiera e che il contrasto alla crisi non può puntare solo sul settore terziario, ma al contrario deve continuare a credere nella strategicità dell'industria manifatturiera.

Il Governo Cota invece in questi anni non si è distinto per la progettualità che ha messo in atto sulle politiche industriali regionali. E' vero che il rilancio dell'industria deve passare anche attraverso una riforma che coinvolga l'intero territorio nazionale, ma ad oggi la Giunta piemontese ha pensato esclusivamente a tamponare le crisi in atto.

Il Presidente della Regione questa mattina ha ancora una volta parlato di TAV e Terzo Valico come unici filoni di investimento del settore produttivo piemontese. A prescindere da quello che è il nostro giudizio sulle grandi opere, siamo fermamente convinti che la nostra Regione non possa fare più a meno di una progettualità sulle politiche industriali.

Dobbiamo pensare a mettere a frutto quelle che potrebbero essere collaborazioni oltre il Piemonte con le altre Regioni del Nord Italia: dobbiamo superare gli annuncia sterili, come quelli sulla fantomatica macroregione, per studiare nuove ricette concrete.

Torna su
TorinoToday è in caricamento