Politica

Eternit, sindaco Casale: "No all'indennizzo se interviene lo Stato"

Il sindaco di Casale, Giorgio Demezzi, potrebbe "riconsiderare" l'idea di accettare l'indennizzo proposto dalla Eternit in caso di un intervento dello Stato che permetta di affrontare i problemi provocati dall'amianto

La scorsa settimana il sindaco di casale, Giorgio Demezzi, aveva annunciato di voler accettare l'indennizzo proposto dalla Eternit. Il primo cittadino quest'oggi è tornato sull'argomento dicendo che potrebbe "ripensarci" qualora lo Stato dovesse intervenire per affrontare i problemi provocati in città dall'amianto. "E' nostra volontà - spiega Demezzi - illustrare al ministro della Sanità tutti i dettagli della situazione socio-ambientale e sanitaria della città e, di conseguenza, l'improcrastinabile necessità di poter disporre di una somma significativa" per affrontare i vari problemi con successo.

Demezzi fa presente che, essendo necessari interventi per la bonifica ambientale e la ricerca scientifica sui tumori da amianto, "non potrebbe esimersi dal riconsiderare l'offerta" della Eternit "nel caso ci fosse, come ipotizzato, la possibilità di ottenere un altrettanto rapido intervento dello Stato per riportare il nostro territorio a un livello di salubrità e sicurezza compatibili con il diritto alla vita e alla salute". (Ansa)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eternit, sindaco Casale: "No all'indennizzo se interviene lo Stato"

TorinoToday è in caricamento