Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Bandiera veneta in Consiglio Comunale: leghisti espulsi dall'aula

I consiglieri Fabrizio Ricca e Roberto Carbonero sono stati espulsi dopo aver chiesto al consiglio di esprimere solidarietà ai veneti indipendentisti arrestati, mostrando anche la bandiera di San Marco

Lo avevano annunciato in mattinata, e lo hanno fatto: i consiglieri della Lega Nord in Consiglio Comunale, Fabrizio Ricca e Roberto Carbonero, hanno portato una grande bandiera del Veneto, chiedendo al Consiglio di esprimere solidarietà agli indipendentisti veneti arrestati negli scorsi giorni.

Un gesto che serviva “Per rimarcare quanto sia inconcepibile, in un Paese democratico, essere incarcerati per le proprie idee – aveva dichiarato Ricca – Rivendicare libertà ed autonomia di un territorio non è un crimine”.

L’esito della vicenda è stata l’espulsione dei consiglieri dall’aula. “Il presidente del Consiglio comunale ha deciso di adottare un comportamento vergognoso, che lede il diritto di ognuno a manifestare ed esprimere le proprie idee. Viviamo in un clima da regime sovietico, nel quale non ci è consentita la minima libertà di pensiero”.

I due consiglieri sono poi stati fatti rientrare, ma Ricca prosegue: “La risposta del consiglio comunale di Torino alla nostra richiesta di solidarietà è stata in linea con i livelli di questo stato, che come con i patrioti veneti ha scelto di silenziarci”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiera veneta in Consiglio Comunale: leghisti espulsi dall'aula

TorinoToday è in caricamento