menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza neve in montagna, 4 milioni di euro dalla Regione

I danni per gli operatori turistici a fine stagione potrebbero essere molti. Ma arrivano i fondi che però saranno gli ultimi

Sulle montagne piemontesi è davvero emergenza neve. Secondo i dati forniti dall'Arpa, mancherebbe tra il 50 e il 90% della neve che solitamente c'è in questo periodo che, tradotto, significa gravi ripercussioni a livello turistico ma anche ambientale. 

Sono stati proprio i sindaci e gli operatori turistici a presentare il quadro, non certo incoraggiante, in Regione, in presenza degli assessori al Lavoro e Scuola, all'Ambiente, allo Sport e al Turismo e del vicepresidente Aldo Reschigna. E la prossima settimana la Regione firmerà il pagamento di 4 milioni di euro di fondi del 2012-2013 destinati ai gestori degli impianti sciistici.

Dopodiché però si stringeranno i cordoni della borsa: ulteriori finanziamenti non ci saranno, ci sarà piuttosto - per sostenere la disoccupazione dovuta alla situazione di emergenza - la possibilità di utilizzare gli ammortizzatori sociali tra cui la cassa integrazione in deroga

" In Piemonte circa 45mila persone lavorano nel settore della neve - precisa Valter Marin, sindaco di Sestriere - : se la neve manca, la gente non lavora e se non lo fa per un mese significa che ci sono 70 milioni di euro di mancati stipendi. Questo è un settore come un altro che va tutelato". 

Per andare incontro agli operatori della neve e dare una spinta al turismo sulle montagne, si è anche pensato di proporre tre giorni di vacanza scolastica a Carnevale per invogliare le famiglie alla settimana bianca. Purtroppo però le esigenze delle scuole quest'anno avranno la meglio. Solo dal prossimo, il calendario scolastico prevederà la settimana dello sport, iniziativa pienamente condivisa anche dall'Uncem, l'Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento