Venerdì, 22 Ottobre 2021
Elezioni Regionali Piemonte

Cinquanta ricorsi, entro il primo maggio il Tar si pronuncerà

Manca poco alle elezioni. Risolti i dubbi sui candidati presidenti, ora tocca alle liste e ai ricorsi presentati. Il giudizio sarà dato dal Tribunale Amministrativo Regionale, che si esprimerà il primo maggio

Il primo maggio si avvicina e quindi la decisione del Tar sui ricorsi presentati sarà presto nota. Potrebbero cambiare parecchie cose in questi pochi giorni visto che tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico sono stati presentati ben 50 ricorsi. Difficile comunque che ci sia uno stravolgimento di quanto sino ad ora noto.

Il lavoro dei giudici prosegue a ritmi serrati. Già decisa la sorte delle liste escluse nel week end: sei ricorsi su sette sono stati respinti. I "Pensionati" non potranno correre al fianco di Gilberto Pichetto nella città di Torino, potranno invece farlo nelle altre province. "Sono forse tutti pazzi - ha commentato la consigliera uscente Sara Franchino, entrata in Consiglio regionale al posto di Michele Giovine della discussa lista Pensionati per Cota -. I giudici dei Tribunali piemontesi che hanno accolto la lista? Non credo più alla buona fede: a Torino c'è un accanimento contro il Partito Pensionati che fa paura". Fuori dalla competizione elettorale anche il Movimento Bunga Bunga-Usei.

Come detto, dei sette ricorsi solamente uno è stato accolto: quello della lista civica "Per il Piemonte Pichetto". Questa è stata ammessa nelle province di Torino e Cuneo.

Il primo maggio le liste delle prossime elezioni saranno ufficiali. Prima ancora lo saranno le posizioni delle liste sulla scheda elettorale essendo in programma il sorteggio nella giornata di oggi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinquanta ricorsi, entro il primo maggio il Tar si pronuncerà

TorinoToday è in caricamento