Elezioni Regionali Piemonte

Il listino di Davide Bono e i suoi assessori regionali annunciati

Dieci nomi e quasi tutti hanno già una delega pronta nel caso il candidato grillino vinca le elezioni di fine maggio. Mancano gli assessori al Bilancio e alle Infrastrutture, qui sono attese sorprese

Ennesima novità in campo politico. A proporla, ancora una volta, è il Movimento 5 Stelle piemontese con il suo candidato alla guida della Regione, Davide Bono, che ieri ha presentato il listino. Dieci persone, otto uomini e due donne, scelte non a caso o per correnti politiche interne, ma - come ha evidenziato Bono - per la loro competenza. Fin qui però non c'è nulla di nuovo.

La vera novità è che le persone che fanno parte del listino saranno i futuri assessori della Giunta Regionale se Davide Bono vincerà le elezioni. "Noi abbiamo scelto persone che hanno determinate competenze - ha spiegato il candidato grillino - e alcuni di questi non fanno parte nemmeno del Movimento 5 Stelle. Siccome a noi non piace la legge che impone di scegliere 8 assessori su 11 all'interno del Consiglio regionale, abbiamo distinto a priori le funzioni".

I grillini giocano a carte scoperte dunque e schierano persone che fino ad oggi con la politica hanno avuto poco a che fare. Le nomine sono state già decise e non dipenderanno dal voto dei cittadini e da chi sarà eletto come consigliere regionale. Così per l'assessorato con delega alla Sanità ci sarà Ezio Conti, un medico di Verbania, mentre per Lavoro il biellese Fabio Fochi, già nel direttivo di Assoutenti Piemonte. Per la delega alla Cultura è stato scelto Roberto Guenno, corista tenore al Teatro Regio, per l'Urbanistica Federico Sandrone, architetto di Cavallermaggiore, per le Attività Produttive il direttore della delegazione Api di Biella, Roberto Scenna. Ancora per l'Agricoltura un professore universitario, Peter John Mazzoglio, per il Turismo Tommaso Merlo, per il Welfare Raffaella Violino, e per l'Ambiente il tecnico dell'Arpa, Marisa Turco. Infine nel listino c'è anche Luca Giunti, un esponente del Movimento No Tav.

Mancano ancora due deleghe, tra le più importanti: Bilancio e Infrastrutture. Per queste i nomi sono una sorpresa. Certo è che saranno "dei tecnici esterni", due persone di prestigio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il listino di Davide Bono e i suoi assessori regionali annunciati

TorinoToday è in caricamento