Collegno, Boetti: "Tutto è pronto, comincia l’assedio all’ultimo Soviet”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Presentati sulla propria pagina Facebook (che cura personalmente in omaggio alla provocazione della “campagna elettorale a costo zero”) il manifesto e i simboli che sosterranno il Suo nome sulla scheda, l’avv. Carlo Boetti Villanis-Audifredi annuncia che i partiti che lo sostengono hanno definito le liste, e sono in fase avanzata nell’elaborazione del programma.

Nella lista del “Centrodestra-Uniti per Collegno”, accanto ai consiglieri comunali uscenti dei partiti della coalizione, Iacobucci per il Nuovo Centrodestra, Fichera per Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, e Bardella per Lega Nord, sono schierati donne e uomini, giovani e meno giovani, tutti Collegnesi impegnati nella comunità e nel sociale, e tutti con competenze specifiche che porteranno “aria nuova” nell’amministrazione comunale di Collegno.

Tra i nomi spiccano quelli di Carlo Gottero, già Presidente della Coldiretti, e di Fausto Beruto, già più volte consigliere comunale di Collegno con una solida esperienza della macchina amministrativa. La lista “Destre Unite per Collegno” è capitanata da Rosanna Dosio, che ha rinunciato alla propria candidatura a Sindaco per schierarsi con l’Avv. Carlo Boetti Villanis-Audifredi.

Nel presentare le due liste che lo sostengono, l’avv. Carlo Boetti Villanis ha dichiarato : "Posso dire di essere orgoglioso del fatto che il mio nome ha riunito in un solo simbolo tutte le realtà del Centrodestra? Solo io e pochi altri in Piemonte abbiamo ottenuto lo stesso risultato, e lasciatemi dire che mi piacerebbe poterlo considerare il suggello di 30 anni di coerenza e di militanza, specie perché accompagnato dall'altro simbolo, quello delle Destre Unite, che contribuisce a identificare le mie radici che affondano in un Centrodestra popolare, liberale e sociale che possa porsi come obbiettivo non  solo di vincere le elezioni, ma anche e soprattutto di costruire una casa ideologica per tutti i moderati, che sono maggioranza, nella prospettiva di ricostruire dalle fondamenta il tessuto sociale e morale del nostro paese; che sappia farci uscire da questo ignobile clima da basso impero. Un Centrodestra che unisce diverse identità su un programma comune. Un Centrodestra nazionale liberale e sociale che si riconosce nei principi cardine della nostra democrazia, attento al sociale, alle famiglie, alle imprese, al lavoro, ed ai 'Valori' della nostra civiltà europea ed occidentale. Principi e Valori che vogliamo portare nell’amministrazione di Collegno”.

Parlando delle prospettive elettorali della propria coalizione  il candidato Sindaco ha poi aggiunto: “I sondaggi per le Europee attualmente danno Forza Italia intorno al 20/22 %, Lega Nord tra il 4 ed il 5,5, Fratelli d'Italia tra il 3 ed il 4, e Nuovo Centrodestra tra il 4 e il 5. E' vero che a livello locale ed in particolar modo su Collegno il Centrodestra è sempre sotto ai risultati nazionali, ma è ragionevole pensare ad un risultato complessivo superiore al 20%, intorno al 23% direi, a Collegno. E tenendosi 'bassi'; infatti se è vero che gli ultimi sondaggi sui partiti  indicano il centrodestra in Piemonte intorno al 34%, a Collegno non sono da escludersi belle sorprese!”….”in Francia e persino in Ungheria nelle recenti elezioni sono prepotentemente avanzati i  partiti di destra e centrodestra, chissà che anche a Collegno non si riesca a far crollare 'l’ultimo Soviet'.

I più letti
Torna su
TorinoToday è in caricamento