rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Elezioni comunali 2021 Centro / Piazza Palazzo di Città, 1

Adesso il PD pensa in grande, Carretta: "Vittoria generazionale, lanciamo un ciclo alla Chiamparino"

Il giorno dopo il ballottaggio

"Non è una vittoria semplicemente del Partito Democratico torinese, ma è una vittoria generazionale", a dirlo è Mimmo Carretta, il segretario di quel PD di Torino che ha sfidato la volontà del partito a livello nazionale che pressava per creare quell'alleanza giallorossa - in stile Conte Bis - che oggi alla luce dei risultati appare sempre più distante. 

Sì, perché il Movimento 5 Stelle, non solo a Torino, segna dopo queste amministrative uno dei punti più bassi della propria storia, mentre il centrosinistra pare essere l'unico schieramento in fase di rilancio. Un centrosinistra che invece è stato compatto e ampio, formando una coalizione che ha fatto trapelare unità d'intenti e armonia.  

"Da questo momento parte un ciclo virtuoso, importante. Magari come quello di Sergio Chiamparino o Valentino Castellani. Lo abbiamo detto dall'inizio, era una sfida complicata e difficile, partivamo con gli sfavori dei pronostici e siamo riusciti a invertire quella rotta che ci vedeva come antipatici, chiusi nelle nostre stanze. Siamo scesi in strada, non abbiamo fomentato odio, paure e non abbiamo chiamato leader nazionali completamente estranei alle vicende cittadine", spiega Mimmo Carretta con evidente soddisfazione. 

E dunque se, partendo da questa vittoria, la speranza per il centrosinistra è quella di avviare un ciclo in stile Chiamparino, il tempo di mettersi al lavoro è sin da ora perché a Stefano Lo Russo toccherà un compito difficile che è quello di rilanciare la città, ma anche di ricucire quegli strappi sociali che sono stati ben evidenziati dal dato sull'astensionismo. "Stefano adesso avrà un compito impressionante che sarà quello di rispondere a chi ha votato, ma anche di essere il sindaco di chi non è andato a votare. Chi non ha votato non lo ha fatto per pigrizia, ma per scelta. Una scelta drammatica che evidenzia un malessere che serpeggia per la città". 

Per gli altri invece è il tempo di raccogliere i cocci. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adesso il PD pensa in grande, Carretta: "Vittoria generazionale, lanciamo un ciclo alla Chiamparino"

TorinoToday è in caricamento