rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Elezioni comunali 2021 Pinerolo / Piazza Vittorio Veneto

Fondere i Comuni per renderli più forti, la proposta del sindaco di Pinerolo: "47 sono troppi"

A suo avviso avrebbero maggiore capacità di attrarre risorse

È una proposta destinata a fare discutere e che si inserisce in un dibattito più ampio che dura da anni. A lanciare il sasso nello stagno è Luca Salvai, l'attuale sindaco di Pinerolo che concorre per la rielezione alle prossime elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre in quota Movimento 5 Stelle. L'idea è d'impatto: facilitare un percorso che porti alla fusione di alcuni Comuni del pinerolese. 

Un passaggio, per lui necessario, che contribuirebbe anche al rilancio di un territorio ampio e che negli ultimi decenni qualcosa ha perso. "La fusione dei Comuni è una questione che va inquadrata in un contesto di carattere generale", spiega Luca Salvai, "Un percorso molto ambizioso che però non vuol dire che il Comune di Pinerolo si mangia qualche altro Comune, significa che alcune realtà amministrative molto piccole dovrebbero iniziare un ragionamento per mettersi insieme e costruire realtà amministrative un po' più grandi".

Un percorso sì, perché, se l'idea può essere buona e può aiutare a snellire la burocrazia legata a certi processi amministrativi dei territori, nulla può essere fatto senza il via libera dei cittadini. Una eventuale fusione tra due Comuni infatti dovrebbe essere approvata tramite referendum dalla popolazione residente. 

"È un sasso che lancio nello stagno, ma questa idea non dipende dal Comune di Pinerolo, ma dalla volontà e dalla capacità che avranno gli amministratori del territorio", continua Salvai, "Io se sarò ancora il sindaco di Pinerolo sarò disponibile a favorire un percorso di questo tipo. Potrebbe essere un ragionamento da fare per tutta una serie di motivi che sono anche in parte economici". Secondo Salvai infatti grazie alla Finanziaria del 2010 eventuali fusioni favorirebbero la capacità di attrarre risorse economiche da parte dei Comuni interessati. 

"Si dovrebbero vincere un sacco di resistenze, però bisogna tenere presente che, per esempio, il Comune di Saluzzo che ha fatto questa operazione con il Comune di Castellana mette a bilancio 1.800.000 euro l'anno. Sono queste le risorse che ci sono in ballo se si inizia un percorso di questo tipo", dice il sindaco di Pinerolo. 

"In questo territorio 47 Comuni a mio avviso sono troppi. Un ragionamento del genere però deve partire dalla volontà delle piccole amministrazioni. A mio avviso la fusione tra piccole realtà comunali sarebbe utile per gestire i servizi in una maniera efficace e per contare di più. Avere una frammentazione amministrazione così variegata non aiuta determinati percorsi". 

Il 30 agosto Luca Salvai presenterà in anteprima ai sindaci del territorio i dieci punti del suo programma elettorale che sono dedicati al rapporto che Pinerolo dovrebbe stringere con i comuni dell'area pinerolese. Inevitabile che il tema della fusione tra Comuni sarà messo sul tavolo della discussione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondere i Comuni per renderli più forti, la proposta del sindaco di Pinerolo: "47 sono troppi"

TorinoToday è in caricamento