Domenica, 17 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2021 Filadelfia / Via Filadelfia, 36

Elezioni 2021: Filadelfia e stadio Grande Torino nei programmi elettorali. Ma non di tutti i candidati

Punto del centrosinistra di Lo Russo. Beccaria "paladino" nella coalizione di Damilano

Il Filadelfia, tempio della Torino granata, alla pari dello stadio Olimpico-Grande Torino, è anche argomento della campagna elettorale, ormai agli sgoccioli, visto che domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021 gli elettori del capoluogo saranno chiamati alle urne per scegliere la prossima amministrazione cittadina.

La coalizione di centrosinistra che vede Stefano Lo Russo quale candidato sindaco è l'unica che parla, a chiare lettere, del "Fila".

"Dobbiamo sostenere i progetti che raccontino e tengano viva questa storia gloriosa e, contemporaneamente, diano linfa e pongano le basi per costruire un futuro ancora più importante in campo sportivo. Il Torino ha due punti di riferimento: il Museo del Grande Torino al Filadelfia ma anche la Cittadella Granata, che va portata a termine e resa il luogo in cui si formeranno le future generazioni di giovani sportivi. Nel nostro progetto di Città c'è poi un tassello ulteriore di grandissima importanza: con il Filadelfia anche lo Stadio Olimpico deve diventare la casa dei tifosi granata, italiani e sparsi in tutto il mondo. La centralità dello sport nelle politiche cittadine e il raccordo con gli altri settori sarà ulteriormente valorizzata dalla creazione di una apposita Sport Commission", spiega nel suo programma Lo Russo.

 Domenico Beccaria, candidato consigliere nella Lega, presidente - ora temporaneamente "in pausa" causa elezioni - del Museo del Grande Torino di Grugliasco, ha le idee chiare sul futuro di Filadelfia, Grande Torino e Robaldo: "Per quanto riguarda il Robaldo, la città deve farsi sentinella dell’avanzamento lavori secondo il cronoprogramma, per concludere in tempi ragionevoli il completamento dell’area. Lo stadio Olimpico-Grande Torino, il cui contratto di affitto scade nel 2025, deve diventare di proprietà del Torino FC e per ottenere questo è necessario renderlo maggiormente appetibile alla società granata. Ma il fulcro attorno a cui gravità l’universo granata, è il Filadelfia. La Fondazione di cui la città è capofila, deve dare un chiaro impulso che superi l’inattività di questi ultimi quattro anni. Innanzitutto rimuovere le vele, abusive, rumorose e pericolose, che tanti problemi creano ai residenti. Poi mettere in sicurezza i due monconi di curva superstiti per evitare ulteriore degrado. Contestualmente dare il via ai bandi per il reperimento delle risorse economiche, progettuali e realizzative, che costruiscano il terzo lotto, ovvero la sede del Museo del Grande Torino e concretizzi il suo trasferimento da Grugliasco al Filadelfia. Oltre ad un doveroso omaggio alla memoria degli Immortali di Superga, ci deve essere una riqualificazione di tutto il quartiere e la creazione di un polo culturale, aggregativo e turistico, che offra nuova linfa all’occupazione ed al benessere di Borgo Filadelfia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2021: Filadelfia e stadio Grande Torino nei programmi elettorali. Ma non di tutti i candidati

TorinoToday è in caricamento