Borgo Rossini: Fassino interviene su cultura, pensioni e l'acqua della fontana

Il sindaco ha incontrato i residenti che gli hanno anche chiesto cosa ne sarà dell'ospedale Maria Adelaide

"Chiederò a Renzi di adeguare le pensioni minime. Girando per la città mi sono reso conto che tante, troppe persone, vivono con 600 euro al mese e con quella cifra devono, a volte, mantenere anche il figlio disoccupato". Parola del candidato a sindaco Piero Fassino, intervenuto alla presentazione del programma elettorale di Rocco Pinto, in Borgo Rossini. "Non solo, al Premier chiederò di nuovo di aumentare la quota che impedisce di sostituire chi va in pensione e che attualmente è del 25%", ovvero su 100 persone che vanno in pensione, solo 25 possono essere rimpiazzate.

Accompagnato dall'assessore uscente, Gianguido Passoni (che sarà riconfermato nell’eventuale prossima Giunta Fassino perché, dice scherzando il sindaco uscente: "Mi ha fatto disperare e bene per cinque anni e non potrei farne a meno"), il primo cittadino si è soffermato anche sui problemi della realtà di quartiere, chiacchierando con i diversi, e agguerriti partecipanti. "Vedremo di portare di nuovo l'acqua nella fontana della piazzetta, perché è una soluzione che si può trovare in tempi brevi" e Passoni conferma che è uno dei tanti punti di scontro fra "la meccanica e il funzionamento burocratico, ma ne verremo a capo".

C'è poi chi chiede cosa ne sarà dell'ospedale Maria Adelaide, dove è stata costruita una nuova ala, finora mai però utilizzata: "Il piano sanitario non dipende direttamente dal sindaco - afferma Fassino -, ma la questione degli ospedali e di questo in particolare è oggetto di confronto con la Regione da tempo e continueremo a parlarne".

C'è poi un messaggio di speranza rivolto ai giovani e ai librai che, come Pinto, chiedono a gran voce maggiore attenzione ai problemi della cultura. "Finora abbiamo contribuito ad allargare al territorio i confini del Salone del libro, si sono potenziate le strutture delle biblioteche di quartiere ed è cresciuto non solo il numero di quelle attive nelle scuole ma anche delle librerie indipendenti. Torino, infatti, è una delle città più ricche con questo tipo di negozi in Italia. Sono tutte iniziative che possono coinvolgere i giovani e contribuire alla crescita e alla ripresa dell'economia che, piano piano, si sta di nuovo riprendendo".

Su questa tema, infine, Fassino conferma che l'eventuale nuova Giunta sarà composta al 50% da donne e che ci saranno anche volti giovani. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento