Elezioni comunali 2016

Teatro Carignano, confronto all'americana per gli aspiranti sindaci

Mentre gli aspiranti primi cittadini illustravano obiettivi e programmi, fuori i candidati non invitati al confronto protestavano

A meno di due settimane dal voto, sette candidati sindaco - i più accreditati secondo il sondaggio Piepoli - si sono presentati ieri sera sul palco del Teatro Carignano per il confronto pubblico senza scontro organizzato da La Stampa, condotto dal direttore Maurizio Molinari. Ognuno ha avuto a disposizione tre minuti e mezzo per rispondere alle domande: tempo scandito da un grande orologio posizionato sul palco.

Ed è partito così lo sguardo generale su programmi e obiettivi mentre fuori non sono mancate le proteste di chi al confronto non è stato invitato: i sostenitori della lista Basta! della candidata Anna Battista e Casa Pound con Marco Racca. Un po' di baccano e qualche urlo che tuttavia, nel corso della serata, sono passati in secondo piano.

Si è parlato di sicurezza per i cittadini ma soprattutto di lavoro. Piero Fassino, in maglioncino scuro, ha ribadito la capacità della sua amministrazione, in questi anni, di aver saputo "tenere fuori la testa" dall'ondata di crisi e si è concentrato sull'argomento, in particolare su quello che sarà il suo primo impegno qualora venga rieletto.

Stringere cioè un accordo sul lavoro con tutte le forze della città. Gli ha fatto eco la sua avversaria numero uno, Chiara Appendino in giacca bianca, che ha sottolineato il suo obiettivo: quello di istituire un fondo per rimettere in sesto le piccole e medie imprese.

Alberto Morano della Lega Nord punta sollecita il ritorno dell'industria mentre Giorgio Airaudo di Torino in Comune, non rinnega il nuovo volto turistico di Torino, pur ricordando la vocazione automobilistica della città.

Osvaldo Napoli per Forza Italia ribadisce la sua volontà di fare investimenti con fondi europei, Roberto Rosso sottolinea la necessità per la città di nuovi capitali e il comunista Marco Rizzo critica il mercato che crea concorrenza tra italiani e immigrati. Al Teatro Carignano ieri, ognuno ha detto la sua, evitando le polemiche e i colpi bassi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Carignano, confronto all'americana per gli aspiranti sindaci

TorinoToday è in caricamento