Elezioni 2016, Lorenzo Varaldo: “Bisogna affrontare il debito della città”

L'intervista di Torino Today al candidato sindaco di Abrogazione

Torino Today ha incontrato Lorenzo Varaldo davanti all’ingresso della sede della Circoscrizione 5, a metà strada tra le tre scuole di cui è dirigente scolastico. “E’ un quartiere simbolo delle battaglie condotte a difesa della scuola pubblica – spiega il candidato sindaco della lista ‘Abrogazione’-. La prima cosa da fare ritengo sia occuparsi della questione lavoro, difendere i servizi pubblici e ritornare al servizio pubblico laddove sia stato privatizzato. Si possono creare dei posti di lavoro, per farlo è necessario affrontare il debito della città e i vincoli del trattato di stabilità e europei, contro questi bisogna battersi per annullare il debito e per rigettare i tagli fatti centralmente. Poi mi batterei contro le leggi nazionali”. 

VIDEO --> QUI L'INTERVISTA INTEGRALE

Varaldo, come già fatto nelle due precedenti candidature a sindaco del 2006 e del 2011, solleva il problema della rottura dei trattati con l’Unione Europea: “Bisogna abrogare questi trattati europei che impongono, nero su bianco, questa politica di distruzione. La lista Abrogazione si propone di tornare verso una politica dei lavoratori, ma per realizzare l’intento occorre fare una premessa: abrogare tutte le leggi e i provvedimenti emessi, a qualsiasi livello, che ci hanno portati a questa situazione”. 

Sul tema della microcriminalità il candidato sindaco distingue due piani:La microcriminalità va affrontata con la lotta contro degrado che deriva da molteplici aspetti, se non si affronta alla radice il problema non si arriva a niente. Se si parla, invece, di criminalità più alta allora sappiamo dov’è la grande criminalità, lo spaccio e la costruzione della distruzione delle generazioni future. Il problema va affrontato dall’alto, di chi c’è dietro, degli speculatori”.

In materia di viabilità aggiunge: “I trasporti possono svilupparsi se c’è una politica di crescita, non fatta per arrangiare quello che c’è. Qui ci sono stati tagli e privatizzazioni, specie nelle zone di periferia. Il primo provvedimento che adotterei sarebbe quello di ritornare al servizio pubblico, investire, e per farlo è necessario annullare il debito”.

Qual è il sogno di Varaldo per il futuro di Torino?Una città con lavoro per tutti e solidale. Sul concreto, dico che sostenere la nostra lista significa sostenere chi si batterà per difendere e riconquistare i diritti dei lavoratori e riprendere in mano il destino collettivo per costruire quel che è stato distrutto in questi anni”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento