Elezioni, come si vota per le politiche del 4 marzo

Orari e istruzioni su come votare

Il 4 marzo, come in tutta Italia, i cittadini di Torino e del Piemonte si recheranno alle urne per eleggere il Parlamento. Ai seggi, aperti dalle 7 alle 23, saranno due le schede consegnate le elezioni politiche: una di colore giallo per il Senato della Repubblica (per gli elettori che hanno compiuto 25 anni), l'altra di colore rosa per la Camera dei Deputati per i cittadini con 18 anni. Quest'anno, per la prima volta all'interno della scheda è inserito un tagliando antifrode che verrà rimosso dal presidente di seggio. 

La nuova legge elettorale si basa su un sistema misto: per un terzo maggioritario, per due terzi proporzionale. Le schede elettorali riflettono questo sistema. I modelli infatti  contengono  il nome del candidato nel collegio uninominale nel rettangolo posto in alto. Nella stessa scheda, nella parte sottostante - dedicata ai colleghi plurinominali - sono riportati il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste collegate al candidato del collegio uninominale.  Nei collegi plurinominali, accanto ai  simboli sono riportati i nominativi dei candidati contenuti in rettangoli contigui. 

Come si vota

L'elettore dovrà recarsi alle urne con la tessera elettorale e un documento di identità in corso di validità. Si può esprimere la propria preferenza tracciando un segno solo sul rettangolo che contiene il nome del candidato nel collegio uninominale: il voto così espresso vale anche per la quota proporzionale e sarà distribuito tra le liste collegate. Oppure tracciando un segno sulla lista del collegio plurinominale: il voto è valido sia per la lista sia per il candidato uninominale collegato.

Se l'elettore ha deciso di votare per un candidato ma non si riconosce in uno dei partiti che lo appoggiano, può apporre due croci, scegliendo uno specifico partito della coalizione che sostiene il nome prescelto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa evitare

No al voto disgiunto sia per l’elezione della Camera dei deputati sia per il Senato. Il rischio è quello di annullare la scheda. Non si deve quindi tracciare il segno sul rettangolo che contiene il nome (o sul nome stesso) del candidato uninominale e anche sul simbolo di una lista non collegata al candidato. Inoltre le liste sono bloccate, quindi non va tracciato nessun segno sul nome di un candidato della lista plurinominale ma solo sul simbolo della lista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento