menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il Piemonte deve tornare a sedersi con il Governo. Cota pensava a Ballarò"

Trasperenza, legalità e collaborazione. Sono questi i presupposti su cui si fonda la campagna elettorale di Sergio Chiamaparino. Tanti i progetti e le risorse non potranno che arrivare dalla collaborazione tra tutti gli enti

Una campagna elettorale che parla di trasparenza, legalità, semplificazione e collaborazione quella di Sergio Chiamparino, intervenuto ieri sera alla Fabbrica delle E, in onore di una serata organizzata dalla Fondazione Benvenuti in Italia. Tanti i punti salienti toccati: dalla "burocrocrazia zero" alla nomina dei direttori sanitari attraverso una selezione meritocratica. Perchè il Piemonte ha bisogno di concretezza, ha bisogno di un dialogo proficuo e di una collaborazione massima tra enti pubblici regionali e comunali.

Una delle idee più innovative lanciate da Chiamparino riguarda la burocrazia zero relativa all'insediamento delle nuove imprese: "L'idea - spiega l'ex Sindaco di Torino - è quella di sperimentare in 3 o 4 zone del Piemonte delle procedure completamente nuove che, a parità di trattamento delle aziende, possano eliminare tutto l'aspetto burocratico nello stanziamento delle nuove imprese". In molti casi, infatti, nuovi imprenditori ed imprese hanno dovuto arrestare la loro corsa, bloccati da norme regionali sicuramente giuste nei fini, ma di difficile applicazione. L'idea di Chiamparino è volta a costruire attraverso un ente terzo, ad esempio Finmeccanica Spa, una sorta di area sperimentale che possa portare all'eliminazione o facilitazione della burocrazia imprenditoriale: pratiche, concessioni e certezza sulla tempistica, da sempre molto lunga.

(L'articolo continua dopo la gallery)

Molto ambizioso anche il progetto relativo alla nomina dei direttori sanitari attraverso una selezione meritocratica. Tra le idee di Sergio Chiamparino c'è quella di realizzare un sistema simile a quello che c'è in America dove un'agenzia esterna, in collaborazione con gli enti pubblici, si occupa di ricercare tutti quei profili che, a livello meritocratico, soddisfano i requisiti richiesti. L'obiettivo, ovviamente, è quello di evitare le nomine politiche, tirate in ballo troppo spesso. Un progetto importante che pone l'accento sulla trasparenza amministrativa e sulla legalità delle procedure che portano al vertice i vari dirigenti sanitari e non solo.

Video: Chiamparino a "Benvenuti in Italia" >>

Il punto fondamentale che emerge è l'esigenza di dialogo tra i vertici della Regione ed i singoli sindaci comunali: i progetti sono tanti, ma le risorse economiche attuali scarseggiano. L'idea sostenuta da Chiamparino è proprio questa, la collaborazione come nota differenziantiva rispetto ai precedenti governi: "Il Piemonte deve tornare a sedersi con il Governo per recuperare risorse. Cota, invece, pensava a Ballarò".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento