menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni provinciali Pd, i militanti denunciano le "truppe cammellate"

Tesseramenti fatti all'ultimo momento sospetti in casa Partito Democratico in occasione dell'elezione del coordinatore provinciale. Da Roma sono arrivati per l'occasione anche alcuni ispettori e garanti

Polemiche all'interno del Partito Democratico per quanto accaduto nel week end dedicato alle elezioni del Coordinatore della provincia di Torino. Centinaia di tesseramenti anomali hanno riportato al centro dell'attenzione un problema che via via è emerso in ogni partito: quello delle "truppe cammellate".

Di cosa si tratta? Sono persone che si tesserano all'ultimo momento, o anche prima per non destare sospetti, e che votano un candidato ricevendo un favore in cambio. Quello che ha fatto nascere le polemiche in casa Pd è il fatto che il voto è stato validato, nonostante ci sia il dubbio - in realtà per molti quasi una certezza - che questi "militanti" non sapessero nemmeno cosa abbiano votato.

Situazione anomala ad esempio nel circolo Pd di Santa Rita. Qui fino a venerdì scorso c'erano circa 500 tesserati. Nel week end delle votazioni un centinaio hanno voluto iscriversi per poter dare la propria preferenza al prossimo coordinatore provinciale. Molti dei neo tesserati però, a detta di chi ha fatto da garante e da chi gestisce quel circolo, non sapeva che si dovesse pagare una quota al partito, oppure arrivava già con un bigliettino con il nome da scrivere nell'urna.

Nei prossimi giorni proseguiranno le votazioni nei comuni della provincia di Torino. Votazioni che termineranno il 6 novembre ad Alpignano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento