Mercoledì, 28 Luglio 2021
Elezioni comunali 2011

Ricorsi, proroghe, polemiche: a Torino liste elettorali nel caos

A molti non va giù la proroga concessa a Lega e Pdl per perfezionare gli elenchi dei candidati alle circoscrizioni. Dal centrodestra si minimizza: "Questione puramente formale"

E' stato rinviato a data da destinarsi il sorteggio per l'ordine della liste sulle schede elettorali alle prossime comunali di maggio. E, come se non bastasse, a tanti partiti non va giù la proroga concessa a Lega e Pdl per perfezionare gli elenchi dei candidati alle circoscrizioni. Un errore formale, quello dei due partiti di centrodestra, che alcuni avrebbero voluto veder punito senza sconti. Aldo Di Biagio, deputato e coordinatore regionale di Fli, ha scritto a Maroni per avere lumi sulla proroga di cui hanno beneficiato Pdl e Lega.

Il centrosinistra torinese è inviperito, perché alcune sue liste sono state estromesse, senza possibilità di cambiare la documentazione presentata. Due pesi e due misure? Silvio Viale, indipendente nella lista Pd al Comune di Torino, dice: "La proroga concessa dalla Commissione Elettorale ai presentatori delle liste della Lega e del Pdl per integrare la documentazione è inammissibile". Secondo Viale, "bene ha fatto il Pd a presentare ricorso contro tale proroga. Voglio, però, fare osservare - conclude Viale - come questo pasticcio sia l'ennesima prova della inadeguatezza di Pdl e della Lega torinese. Una cosa è sbraitare dentro e fuori l'aula del Consiglio Comunale, un'altra é proporsi seriamente per il governo della Città".

Il segretario regionale dell'Udc Alberto Goffi e il rappresentate della lista Fli Nicola Pagano vogliono conoscere le motivazioni della "dilazione temporale" e il "documento autorizzativo sulla cui base è stata operata". Per Goffi, c'é stata una violazione delle regole giuridiche. "Dai giornali abbiamo appreso che i termini sono stati procrastinati sulla base di un non meglio indicato provvedimento prefettizio che però nessuno ha visto. E non si tratta di vizi sanabili, perché quello mancante è il documento antimafia, proprio quella mafia che non hanno prodotto due forze di un governo che dà valore assoluto alla lotta contro la mafia".

Dal centrodestra si minimizza. "È evidente a tutti che si tratta di una questione puramente formale", precisa l’assessore regionale della Lega Elena Maccanti. Anche Agostino Ghiglia ritiene esagerato il trambusto intono a quello che considera una questione di poca rilevanza: "Le urla di chi preferisce bucare il pallone piuttosto che giocare la partita sono fuori luogo".

Marco di Nunzio, escluso dalla corsa a Palazzo di Città con la sua Lista Bunga Bunga, ha invece presentato ricorso. Spera ancora di poter partecipare alle elezioni di metà maggio.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorsi, proroghe, polemiche: a Torino liste elettorali nel caos

TorinoToday è in caricamento