Elezioni comunali 2011

"Prenderò dei rischi per continuare a cambiare la nostra città"

Si apre ufficialmente la campagna elettorale del candidato del centrosinistra con una lunga intervista di Giovanni Minoli al Teatro Carignano. "Con me una squadra di giovani", ha promesso Fassino

Con la lunga intevista (un'ora e mezza) condotta da Giovanni Minoli prende ufficialmente il via la campagna elettorale di Piero Fassino. Sul palco del Teatro Carignano Fassino non si è nascosto: "Possiamo vincere al primo turno, credo che il 51% sia un obiettivo alla nostra portata".

Nessuno strappo
rispetto a quella che è stata la gestione della "cosa pubblica" a Torino negli ultimi due decenni. "Continuerò - ha detto il candidato sindaco del Pd - a fare tutto quello che hanno fatto i miei predecessori, Castellani e Chiamparino, a lavorare perchè Torino continui a trasformarsi e a crescere. E questo può avvenire soltanto se ci si misura con le sfide che si hanno davanti.

Non sarà un sindaco "quieto", lo ha detto più volte ieri mattina. "Se si vuole governare la città nel segno del dinamismo, del fare delle cose e del dare risposte ai cittadini bisogna prendere anche dei rischi altrimenti non si portato a casa dei risultati". L'entusiasmo con cui Fassino si è approcciato a questa sfida è evidente a tutti. "Candidandomi a sindaco mi sono rimesso in gioco perchè amo Torino e poi sono l’unico dirigente della mia generazione - dice con un pizzico d'orgoglio - che si è messo lo zaino in spalla ed è ripartito, non ne vedo molti altri in giro".


Nessuna paura poi di apparire come un candidato "vecchio". Ha promesso di creare una squadra di lavoro con tanti giovani e con il 50% di donne: "Ma la mia esperienza sarà un vantaggio per tutti questi giovani, gli permetterà di essere più autorevoli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prenderò dei rischi per continuare a cambiare la nostra città"

TorinoToday è in caricamento