Elezioni comunali 2011

Pdl all'attacco, Ghiglia: "Chiudere i centri sociali in città"

Dopo i disordini in occasione della visita di Berlusconi, malumori nel centrodestra. Storace critico con Fassino: "Non pronuncia nemmeno una parola di condanna per lo scandaloso tentativo di aggressione"

Lasciano il segno nel dibattito politico torinese i disordini di lunedì sera in centro durante il blitz del presidente del consiglio Silvio Berlusconi al fianco del candidato Pdl alle Comunali 2011 Michele Coppola.

Agostino Ghiglia, vice coordinatore vicario del Pdl in Piemonte, ritorna a chiedere la "chiusura immediata dei centri sociali violenti" che - aggiunge - "sarà il primo punto del programma del Pdl sulla sicurezza".

Non usa mezzi termini Ghiglia. "Centri sociali violenti e viola-rossi delinquenti: ecco cosa ci lascia in eredità il "grande" Chiamparino dopo 10 anni di mandato - dichiara Ghiglia - Siamo una delle ultime città italiane per quanto riguarda la sicurezza e quella col più alto numero di centri occupati".

L'aria che si respira è quella di piena coampagna elettorale. "Le violenze contro le forze dell'ordine in occasione delle vergognose contestazioni al presidente Berlusconi - conclude Ghiglia - hanno un complice: Sergio Chiamparino che da anni ospita, copre e tutela i centri sociali, compresi i più violenti".

Il segretario nazionale de La Destra, Francesco Storace, accusa Piero Fassino, candidato dal centrosinistra alle Comunali 2011, di non avere condannato le contestazioni al premier "Il redivivo campione della sinistra torinese - ironizza Storace - ha improvvisamente perso la favella e non pronuncia nemmeno una parola di condanna per lo scandaloso tentativo di aggressione. E' da irresponsabili, soprattutto in questo delicatissimo momento internazionale, tacere la gravità delle violenze".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pdl all'attacco, Ghiglia: "Chiudere i centri sociali in città"

TorinoToday è in caricamento