Elezioni comunali 2011

"E' razzismo mediatico", inizia lo sciopero della fame di Bruno Berardi

Il candidato sindaco della Fiamma Tricolore protesta per l'esclusione dei media nei suoi confronti: "Voglio avere lo stesso trattamento nei giornali dei miei sette concorrenti"

Bruno Berardi, il candidato a sidnaco di Torino della Fiamma Tricolore, inizia lo sciopero della fame e della sete. Non accetta "l'esclusione dei media nei suoi confronti" e "il razzismo mediatico che - a suo parere - ha già scelto chi sarà il sindaco di Torino". L'inizio della protesta in un luogo simbolo, in zona Vanchiglia, piazza Santa Giulia. Proprio a pochi metri dalla lapide che ricorda il padre Rosario Berardi, ucciso dalle Brigate Rosse nel drammatico 1978.

"Voglio avere lo stesso trattamento nei giornali dei miei sette concorrenti - dice Berardi, già presidente dell'associazione Vittime del terrorismo e da anni esponente della Fiamma - non sono un appestato, né un delinquente. Ho lavorato tutta la vita, con onestà e ho preparato un programma elettorale che vorrei che i torinesi conoscessero per decidere se votarmi o meno".


"Non indietreggerò dallo sciopero della fame - continua Bruno Berardi - fino a quando in questo paese non verrà ripristinata la democrazia anche nei confronti della Fiamma".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"E' razzismo mediatico", inizia lo sciopero della fame di Bruno Berardi

TorinoToday è in caricamento