Politica

Petrini lascia Rifondazione: "Spaccatura nel gruppo dirigente"

Le controversie sono nate durante le consultazioni per le prossime elezioni regionali. Le dimissioni saranno formalizzate nel congresso del prossimo 9 marzo

Il 9 marzo sarà l'ultimo giorno da segretario regionale di Rifondazione Comunista per Armando Petrini.

Lo ha annunciato lui stesso, sottolineando che le sue dimissioni saranno formalizzate nel giorno del congresso. La motivazione va ricercata nella "spaccatura" e "divisione profonda all'interno del gruppo dirigente" di Prc perché, secondo Petrini, l'orientamento dimostrato nell'ultimo periodo potrebbe portare ad un isolamento del partito stesso.

Le controversie sono nate durante le consultazioni per le prossime elezioni regionali. "La discussione non si è svolta tra chi è favorevole ad un accordo con Chiamparino e chi invece è contrario - ha spiegato Petrini -, ma è stata tra chi crede che Rifondazione dovrebbe prioritariamente agire ed insistere su percorsi unitari a sinistra e chi crede che sia necessario prima di tutto ribadire il nostro orientamento instransigente e chiedere agli altri che lo condividano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petrini lascia Rifondazione: "Spaccatura nel gruppo dirigente"

TorinoToday è in caricamento