None, colpo di scena in consiglio: il sindaco si dimette

Enzo Garrone ha preso la parola, dichiarando di aver ricevuto "attacchi inaccettabili"

Enzo Garrone

Colpo di scena lunedì sera, durante il Consiglio comunale di None. Enzo Garrone si è dimesso da sindaco e lo ha fatto a sorpresa di maggioranza e minoranza, al termine della discussione di una mozione. Si apre così la crisi per il governo cittadino, davanti ad una scelta che sembrerebbe irreversibile.

"Ho ricevuto una serie di attacchi inaccettabili - ha spiegato Garrone -: sia sulla questione mensa, sia sull'alluvione. Sono stato accusato ingiustamente. Si rifaranno le elezioni e qualcun'altro farà il sindaco al posto mio".

A quanto pare il sindaco è stato accusato di essere d'accordo con la ditta che eroga il servizio mensa, appositamente per mettersi contro ai genitori che da tempo protestano per la qualità del servizio. Nei giorni scorsi sono stati effettuati controlli e sono emerse anomalie, in realtà di poco conto, per ciò che riguarda l'utilizzo di un cibo diverso anziché quello previsto.

Inoltre sono recenti le polemiche relative all'alluvione: " Sono stato accusato di non aver mosso un dito - ha detto Garrone -, così ho deciso di togliere il disturbo". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento