Politica

Istituto zooprofilattico, Marrone: "Scelta masochista dimezzare peso del Piemonte"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Il centrosinistra tira dritto incomprensibilmente sulla legge che ratifica il patto masochista con Liguria e Val d'Aosta sulla riduzione del Cda dell'Istituto Zooprofilattico: unico risultato, la rinuncia della Regione Piemonte ad un amministratore, con il dimezzamento del peso piemontese all'interno del vertice dell'Istituto e la conseguente parificazione alla Liguria e alla Val d'Aosta.

Eppure stiamo parlando dell'ente che controlla lo stato igienico sanitario delle mense scolastiche di Torino, che gestisce nove sedi operative piemontesi sulle dodici complessive, che occupa in Piemonte il 90% dei circa quattrocento dipendenti e monitora lo stato di salute di 40.000.000 polli, 3.000.000 ovaiole, 883.000 bovini, 1.110.000 suini e 168.000 ovicaprini della nostra Regione - accusa Maurizio Marrone, Consigliere di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale in Regione Piemonte, che ricorda - La scelta del centrosinistra e' a maggior ragione incomprensibile alla luce del progetto di riforma legislativa già annunciato dal PD per la radicale riforma nazionale degli istituti zooprofilattici con l'abolizione dei consigli di amministrazione: si penalizza il Piemonte per ratificare un assetto deciso dalla scorsa Giunta e per di più già provvisorio e superato.

La nostra opposizione da relatore di minoranza e' stata netta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituto zooprofilattico, Marrone: "Scelta masochista dimezzare peso del Piemonte"

TorinoToday è in caricamento