Esordio Appendino, la Giunta decide il taglio delle spese dello staff

Il Comune si costituirà parte civile al processo Caccia, il sindaco: "Segnale inequivocabile della lotta contro le mafie"

In una riunione durata poco più di mezz'ora, la Giunta Appendino ha approvato una delibera di indirizzo, che verrà portata in consiglio comunale il prossimo 18 luglio, per il taglio del 30% dei compensi destinati allo staff di sindaco e assessori. Il risparmio preventivato, come annunciato in campagna elettorale, sarà destinato a un fondo per i giovani e le piccole imprese.

Tra gli altri provvedimenti decisi oggi, la proroga di due dirigenti, il capo dei vigili urbani Alberto Gregnanini, che avrebbe dovuto andare in pensione ad agosto, e Valter Cavallaro, che è stato incaricato dalla precedente amministrazione di seguire il bando nazionale sulle periferie.

Inoltre è stato deciso che il Comune di Torino si costituirà parte civile nel processo per l'omicidio del magistrato torinese Bruno Caccia, avvenuto il 26 giugno 1983, che si apre domani a Milano alla luce dell'arresto di uno dei presunti killer, Rocco Schirripa, nel dicembre scorso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con una telefonata a Paola Caccia, figlia di Bruno Caccia, il sindaco di Torino Chiara Appendino ha scelto di comunicare la decisione di costituirsi parte civile al processo. "La costituzione di parte civile nel processo per l'omicidio del procuratore Bruno Caccia - ha detto Appendino dopo la giunta di questa mattina - è un segnale inequivocabile della lotta del Comune di Torino contro le mafie".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Fa il bagno in mare all'alba ma si sente male: giovane torinese perde la vita a Riccione

Torna su
TorinoToday è in caricamento