rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica Centro / Piazza Palazzo di Città

Olimpiadi 2026, nella notte lite furibonda tra la sindaca e i suoi consiglieri

La minaccia: "Ce ne andiamo tutti a casa"

Notte di fuoco a Palazzo Civico. La Giunta Appendino traballa in maniera preoccupante e ancora una volta a creare problemi è la possibile candidatura della città alle Olimpiadi Invernali del 2026. "Se andate avanti così, ce ne andiamo tutti a casa": la voce della sindaca tuona in piazza Palazzo di Città, dove la riunione è iniziata attorno alle 18 per poi continuare fino a notte fonda. Minaccia le dimissioni la prima cittadina ma poi tiene duro: mentre i consiglieri la invitano a ritirare la candidatura di Torino, lei, nell'evento olimpico sostenibile, a basso impatto ambientale, ci crede.

E ci credono anche i ministri Danilo Toninelli e Riccardo Fraccaro che senza troppo nascondersi, hanno dimostrato di apprezzare il modello proposto da Torino. Ma il problema non è al governo, è in casa. Oltre ai cinque ormai noti contrari alle Olimpiadi infatti, il fronte dei no pare essersi infatti allargato. Oggi, martedì 26 giugno, Chiara Appendino incontrerà a Roma il sottosegretario Giancarlo Giorgetti ma lo farà senza avere i numeri necessari per l'approvazione dello statuto dell'associazione Torino 2026 che dovrebbe accompagnare la città alla prossima candidatura. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi 2026, nella notte lite furibonda tra la sindaca e i suoi consiglieri

TorinoToday è in caricamento