menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinvio a giudizio per Roberto Cota, il Pd: "Un altro terribile colpo"

Reschigna e Morgando: la notizia del rinvio a giudizio per Cota rappresenta: "Un altro terribile colpo alla credibilità della Regione''

Torna a chiedere il voto anticipato, il Pd, auspicando le dimissioni di Roberto Cota da presidente della Regione Piemonte. D'altronde, la notizia del rinvio a giudizio del governatore, assieme ad altri 39 consiglieri, è accolta dal principale partito di opposizione come  "un altro terribile colpo alla credibilità della Regione'', secondo le parole del capogruppo Pd Aldo Reschigna e del segretario regionale del partito, Gianfranco Morgando.

I due consiglieri attaccano, definendo questa nuova notizia come: ''Un colpo mortale per un rapporto già abbondantemente deteriorato con la comunità piemontese, che si aggiunge a quelli determinati dalla vicenda delle firme false, con la conseguente sentenza del Tar, e dall'incapacità della Giunta di governare, certificata ancora una volta solo ieri dalla bocciatura del bilancio da parte dei revisori dei conti. Cosa aspetta Cota a dimettersi? Cosa ancora deve succedere? Non penserà davvero di andare al Consiglio di stato per allungare il brodo e ritardare il più possibile le elezioni anticipate, solo per poter occupare ancora per qualche mese il potere? E' lo stesso Roberto Cota che diceva ai magistrati, nel primo interrogatorio, che non avrebbe potuto restare in carica anche solo con l'ombra di un avviso di garanzia''.

Il Pd auspica a questo punto che Cota rassegni le dimissioni, "E agevoli quella che per il Piemonte è una strada segnata con evidente chiarezza: il voto anticipato per rinnovare il governo regionale entro la primavera''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento