Il Coronavirus stronca l'economia, la Regione stanzia un milione e chiede aiuto al Governo

Settore turistico in ginocchio, aziende costrette a chiudere, commercio in calo del 50%

Il presidente Cirio in videoconferenza con Roma

Gli effetti del Coronavirus si fanno già sentire sull'economia piemontese. Il primo a rimetterci è, come evidente, il settore turistico: musei e teatri chiusi, decine di eventi sospesi sotto la Mole per via dell'ordinanza regionale per l'emergenza epidemiologica da Covid - 2019, portano inevitabilmente a migliaia di persone che, in origine destinate a venire a Torino, si sono trovate costrette ad annullare le prenotazioni negli hotel. E di rimando, a rimetterci sono anche ristoranti, bar e commercio in genere. Ma la Regione Piemonte si è già mossa in questo senso.

"Abbiamo fatto subito un primo stanziamento di un milione - ha detto il governatore Alberto Cirio - che serve per fronteggiare le prime necessità di carattere economico e imprenditoriale. E' destinato alle imprese del commercio e del turismo, che al momento sono le più colpite. È un primo aiuto, chiediamo che lo Stato faccia la sua parte".

Danni anche a commercio e piccole ditte

I commercianti lamentano in questi giorni un calo del fatturato del 50% e a risentire sono anche le piccole ditte, legate in qualche modo alla Cina, che da diverse settimane, paralizzata dall'epidemia, non attua più i rifornimenti di merci verso l'estero. Molte aziende sono per questo costrette a chiudere i battenti. Il presidente della Regione ha così chiesto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte di attivare da subito misure straordinarie per le attività commerciali e gli alberghi e tutta l’economia piemontese:

"Al premier - spiega Cirio - ho chiesto tre cose: innanzitutto le risorse, poi la legge per bloccare il pagamento degli oneri fiscali e contributivi per le aziende e la sospensione delle rate dei mutui. È necessaria inoltre la cassa integrazione in deroga per queste piccole imprese".

Ha poi sostenuto che, a differenza della Lombardia, in Piemonte si è deciso di non chiudere i bar dalle 18 di sera alle sei del mattino e i negozi: "Una misura esagerata rispetto alla situazione del Piemonte che - ricorda -  al momento ha riscontrato tre casi positivi al Coronavirus. Sarebbe stato, oltre al rischio psicosi, anche un grande danno economico. Comunque l'ordinanza si può ampliare e ridurre a seconda delle esigenze". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento