rotate-mobile
Politica Centro / Piazza Palazzo di Città

Cultura, confermati i licenziamenti: i dipendenti si incatenano davanti al Comune

Assessora Leon: "Ci stiamo impegnando al massimo"

Sono stati confermati questa mattina i 28 licenziamenti dei dipendenti della Fondazione Torino Musei che in segno di protesta, si sono incarnati davanti a Palazzo Civico. Un gesto estremo: un grido di dolore silenzioso e disperato che però i lavoratori lanciano da giorni, per provare a risolvere una situazione ormai drammatica.

Nulla di fatto

Si è conclusa infatti con un nulla di fatto l'incontro di questa mattina, giovedì 28 dicembre, fra i vertici della Fondazione, i sindacati Cgil, Uil e Rsu per discutere il piano di riduzione del personale che vede coinvolti 28 lavoratori.

"Ora la partita si giocherà tra Comune e Regione - ha dichiarato Max Ponte, fondatore del Comitato contro i licenziamenti della Fondazione -. Tutto è rimandato al 12 gennaio, giorno in cui ci sarà un tavolo con la Regione". Il presidente Maurizio Cibrario ha dichiarato infatti l'impossibilità di ritirare le procedure di licenziamento e che si potrebbero trovare soluzioni alternative qualora le istituzioni decidano di intervenire con un sostanzioso aiuto economico.

Serve l'impegno delle istituzioni 

Servono infatti circa 1 milione e 300mila euro per "tamponare" la situazione critica della Fondazione e anche se si è parlato di contratti di solidarietà, scoraggiano le previsioni per il 2018 che sembrerebbero essere peggiori dell'anno che sta per concludersi. 

"In occasione dell'incontro del 12 gennaio - ha detto Francesco Lo Grasso della Uil - chiederemo ala Regione di avere un ruolo più attivo all'interno della Fondazione. Il comune non solo è attanagliato dai suoi problemi di bilancio ma è meno attento alla cultura in una città che invece proprio sulla cultura aveva iniziato a puntare". 

"Faremo il massimo"

E alla protesta dei dipendenti davanti al comune, è intervenuta proprio l'assessore alla Cultura, Francesca Leon:

"Cercheremo nelle prossime ore di costruire una risposta concreta - ha dichiarato - . Siamo concentrati su questo, noi ci siamo: siamo qua e ci stiamo impegnando al massimo delle nostre possibilità. Il 12 ci rivedremo al tavolo con la Regio e domani (venerdì 29 dicembre, ndr) ci rivedremo anche con la sindaca". 

Dopo l'audizione in commissione consiliare del presidente Cibrario in mattinata, nel pomeriggio è previsto un incontro con i sindacati per tentare di trovare soluzioni alternative. Intanto, la petizione lanciata on line su change.org per chiedere il ritiro dei licenziamenti, ha raccolto oltre 22.500 firme.

Protesta dei dipendenti della Fondazione Musei

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura, confermati i licenziamenti: i dipendenti si incatenano davanti al Comune

TorinoToday è in caricamento