Politica

Appendino: "Agiremo per il bene di Torino in maniera strutturale: non accetto la logica della pezza"

Molti, nel 2018, gli obiettivi da raggiungere

"Non accetto la logica della pezza. Vogliamo affrontare i nodi irrisolti, da Gtt alla Fondazione Musei, in maniera strutturale. Un'operazione che non è stata fatta prima perchè non portava consenso".  E' quanto ha dichiarato la sindaca Chiara Appendino a margine della conferenza stampa di fine anno che si è tenuta venerdì 29 dicembre a Palazzo Civico. E in questi giorni, il 2017 che sta per concludersi, proprio con la crisi Gtt e i licenziamenti della cultura, sta mettendo ulteriormente alla prova la giunta Appendino:

"Amministrare significa avere una visione di medio e lungo termine - ha aggiunto la prima cittadina -. Proprio per questo non userò l'amministrazione come strumento di campagna elettorale: è una cosa che rigetto come logica. Stiamo lavorando bene e arriveremo a fine mandato, nonostante in molti continuino a profetizzare la nostra caduta. Abbiamo ancora davanti tre anni e mezzo e agiremo per il bene della città".

E davanti a sé, nel 2018, l'amministrazione Appendino ha sfide da affrontare tutt'altro che semplici oltre al salvataggio di Gtt, in collaborazione con la Regione, e al rafforzamento del sistema cultura e del turismo. I problemi di bilancio, lo svuotamento delle palazzine dell'ex villaggio olimpico di via Giordano Bruno, il superamento dei campi rom e la riqualificazione di aree torinesi abbandonate e in degrado sono solo alcuni degli obiettivi che attendono, nei prossimi mesi, la sindaca e il suo staff. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appendino: "Agiremo per il bene di Torino in maniera strutturale: non accetto la logica della pezza"

TorinoToday è in caricamento