menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rissa in Consiglio regionale, condannati due consiglieri di Pd e FdI

La bagarre nacque dopo una protesta inscenata dai consiglieri del Movimento 5 Stelle. Si parlò di calci e spintoni. Due le persone condannate: Nino Boeti del Pd e Massimiliano Motta di FdI

La bagarre nata in Consiglio regionale il 30 dicembre del 2010 si è conclusa definitivamente oggi con la condanna dei consiglieri del Pd Nino Boeti e di Fratelli d'Italia Massimiliano Motta. In quella giornata le polemiche, tramutatesi in minacce e percosse, iniziarono quando venne bocciata la proposta di legge dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, Davide Bono e Fabrizio Biolè, con cui richiedevano la riduzione delle retribuzioni degli eletti a Palazzo Lascaris. Dopo il "no" dell'aula i due grillini inscenarono una protesta lanciando banconote finte e aizzando i due consiglieri di maggioranza e opposizione.

Quanto accadde fu seguito dalla querela di Bono e Biolè e sulla questione il pubblico ministero Vincenzo Pacileo aprì un un fascicolo. Si parlò di rissa, con tanto di calci e colpi proibiti alle spalle.

Oggi dunque è arrivata la condanna. Il consigliere Motta dovrà risarcire il collega Bono con 800 euro e pagare una multa di 250 euro. Stesso trattamento, ma con somme diverse, per Boeti: dovrà dare 200 euro a Biolè e pagarne 400 di multa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento