Politica

Crisi in Ucraina, il Comune abbassa la bandiera Ue a mezz'asta

Ferraris: "Prendere coscienza della gravità della situazione". Critica la Lega Nord: "la bandiera dell’Unione Europea andrebbe eliminata del tutto da ogni edificio pubblico"

“Le preoccupanti notizie che giungono dall’Ucraina impongono a tutti di prendere coscienza della gravità della situazione”. Così ha spiegato il presidente del Consiglio Giovanni Maria Ferraris in apertura della seduta odierna del Consiglio Comunale, che poi, su proposta del consigliere Maurizio Marrone, ha abbassato la banidera dell’Unione Europea a mezz’asta.

“Vogliamo sensibilizzare l’Unione Europea – ha concluso Ferraris – affinché si faccia parte attiva nella risoluzione pacifica della grave situazione determinatasi in Ucraina, evitando che la popolazione possa venire minacciata da nuovi conflitti e scongiurando la precipitazione degli eventi”.

Critica la Lega Nord. “A prescindere dalla solidarietà al popolo ucraino, che non metto in alcun modo in discussione, credo che la bandiera dell’Unione Europea andrebbe eliminata del tutto da ogni edificio pubblico perché essa, come l’istituzione che rappresenta, non è  espressione dei popoli, ma solo ed esclusivamente di precisi interessi economici”, ha detto Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega Nord in Sala Rossa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in Ucraina, il Comune abbassa la bandiera Ue a mezz'asta

TorinoToday è in caricamento