Mappano, il Comune dopo 4 anni dalla nascita forse avrà il Sindaco

Il voto in primavera. I territorio di Mappano comprenderà parte dei comuni di Caselle, Borgaro, Settimo e Leini

Settimo Torinese ha annunciato l’intenzione di ritirare il ricorso al Tar dando il via libera alle procedure per l’istituzione della nuova realtà amministrativa ferma dal 2013. A fine ottobre potrebbe arrivare il commissario prefettizio che accompagnerà Mappano all’elezione del suo primo consiglio comunale.

Tre erano le questioni che Settimo chiedeva alla Regione di risolvere e hanno trovato soluzione nel corso degli ultimi 3 anni: mantenere la proprietà dello scolmatore costruito da Settimo con notevole esborso di fondi, la richiesta di un vincolo regionale ambientale sul grande parco urbano che da Mappano si estende a Settimo, e realizzato dai comuni di Settimo, Borgaro e Caselle, evitando possibili speculazioni edilizie, infine chiudere un contenzioso economico con la Regione su fondi del 2008 legati a investimenti nell’area di Mappano.  

Appena verrà notificata la rinuncia al Tar Piemonte, la prefettura di Torino provvederà alla nomina del commissario che dovrà traghettare Mappano alle prime elezioni amministrative della sua storia. Se le cose dovessero procedere senza intoppi e con celerità, i residenti a Mappano potrebbero andare a votare già la prossima primavera per eleggere il primo sindaco del paese.

Mappano avrà circa 7mila abitanti e il suo territorio comprenderà parte dei comuni di Caselle Torinese, Borgaro Torinese, Settimo Torinese e Leini. I nuovi mappanesi saranno in gran parte ex casellesi, in minor parte borgaresi e in minima parte leinicesi. Settimo “lascia” a Mappano solamente parte del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Recentemente l’Api (Associazione piccole e medie imprese) ha manifestato alcune preoccupazioni sui costi eccessivi a carico delle circa 600 aziende coinvolte nel passaggio da un Comune ad un altro: “Il costo medio per le aziende si tradurrà in circa 10mila euro ad impresa per atti notarili, volture ed aggiornamento documenti”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Accoltella alla schiena un uomo seduto su una panchina: arrestato per tentato omicidio

  • Chiuse in casa e costrette a prostituirsi "altrimenti diffondiamo i video": tre ragazze liberate

  • Bimbo di un anno e mezzo cade nella piscina gonfiabile di casa: morto dopo tre giorni

  • Incidente automobile-autobus: disagi al traffico e il "giallo della portiera"

Torna su
TorinoToday è in caricamento