Prostituzione, una commissione sulla legalità per combattere la tratta delle donne

Lo ha annunciato l'assessore alle Pari opportunità del Comune, Marco Giusta: "Tutte le iniziative contro la tratta verranno messe a sistema"

Presto verrà istituita una Commissione sulla legalità nell'ambito della prostituzione, per combattere la tratta delle donne. Lo ha annunciato l'assessore alle Pari Opportunità del Comune Marco Giusta: "Abbiamo già incontrato varie associazioni ed enti proprio perchè molto spesso, il tema della prostituzione è strettamente connesso a quello della tratta -. Sarà un punto in cui coinfluiranno tutte le iniziative contro la tratta che ideeremo che saranno così messe a sistema come una rete".

Un male quello della prostituzione coatta che riguarda soprattutto donne straniere, che nei loro paesi di origine, non hanno ricevuto un'istruzione e vivono in situazioni di estrema povertà.  

Nella sola provincia di Torino, che è la meta numero uno fra le donne immigrate che giungono in Italia in aereo, ve ne sono circa 900 che finiscono sui marciapiedi di cui 750 vittime di sfruttamento. Di queste il 60% sono nigeriane - c'è stato un incremento in Italia, del 300% degli arrivi da questo paese, tra il 2014 e il 2015 - e il 20% rumene. Il dato ancora più allarmante è che se prima del 2011, almeno queste ragazze erano maggiorenni, oggi la maggior parte di loro sono adolescenti di età compresa tra i 15 e i 17 anni, con un numero sempre più crescente di bambine di 13 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Tragedia a Torino: uomo si toglie la vita gettandosi nel Po

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

Torna su
TorinoToday è in caricamento