menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La commemorazione in Sala Rossa

La commemorazione in Sala Rossa

L'addio a Valerio Zanone, Fassino: "Un politico che ha lasciato il segno"

Questa mattina in Sala Rossa, le istituzioni di ieri e di oggi hanno dato l'ultimo saluto all'ex sindaco di Torino, spentosi qualche giorno fa nella sua casa di Roma

Era gremita questa mattina in Comune, la Sala Rossa dove da sabato è stata allestita la camera ardente che ha accolto la salma di Valerio Zanone, ex sindaco di Torino e politico. Primo cittadino del capoluogo piemontese negli anni 1990 e 1991, avrebbe compiuto 80 anni fra pochi giorni, è stato ricordato poco fa, prima della cremazione che si terrà nel pomeriggio, dai suoi collaboratori e dalle istituzioni, unanimamente come uomo di grande rettitudine morale, onesto, coerente, appassionato di politica e soprattutto come grande personalità "liberale".

"Valerio Zanone è stato innovatore e riformatore in ogni stagione del suo pensiero politico - ha affermato nel suo intervento il sindaco Piero Fassino -: ha vissuto e partecipato a 50 anni di politica nazionale ed è stato un uomo che, grazie al suo grande senso dello Stato e quindi di responsabilità, ha lasciato il segno sia nella nostra città che nella politica italiana".

L'ex sindaco, che si è sempre definito "democratico, laico, europeista e sociale",  si è spento nella sua casa di Roma qualche giorno fa. E' stato esponente del Partito Liberale e successivamente - con la fine della prima Repubblica - dell'Ulivo e della Margherita.  Ha ricoperto più volte il ruolo di ministro - della Difesa, dell'Ecologia, dell'Industria, dell'Artigianato e del Commercio - ed è a lui che si deve, nel 1986, l'istituzione del ministero dell'Ambiente.

"Zanone sapeva misurarsi con le sfide che la società ci presenta ogni giorno. E fu innovatore anche come sindaco - ha sottolineato Fassino mettendo in evidenza il suo ruolo riformista - durante il suo incarico fu approvato in Consiglio il Piano regolatore della città, quello che poi vide in futuro l'installazione della metropolitana". Alla cerimonia di commemorazione di questa mattina era presente anche l'ex sindaco di Torino, Valentino Castellani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento