Politica

Città metropolitana, Deluca:"Necessario votare l'unica lista fuori dai partiti, quella del M5S"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Il 12 ottobre prossimo circa 3800 amministratori comunali in rappresentanza dei 315 comuni della provincia di Torino saranno chiamati alle urne per eleggere con voto ponderato e preferenza ponderata i 18 componenti del consiglio metropolitano.

"Ci hanno preso in giro con l'abolizione delle province: i cittadini devono sapere - incalza Giuseppe Deluca capogruppo di Alternativa Civica al comune di Brandizzo (To) - che hanno solo cambiato nome in Ente di area vasta; tutto l'apparato burocratico continuerà ad esistere lo stesso in barba alle menzogne che ci hanno raccontato".

"Crediamo - continua il capogruppo - che esprimere il nostro voto per la Città Metropolitana sia un dovere, a maggior ragione rappresentando i cittadini brandizzesi che ci hanno eletto e non abbiamo alcuna difficoltà nell'esprimere chi appoggeremo".

"Tra le tre liste presentate - affermano Giuseppe Deluca e Leonardo La Rosa, entrambi consiglieri comunali di Alternativa Civica a Brandizzo (To) - riteniamo non vi siano dubbi, l'unica lista civica tra liste di partito è quella del Movimento Cinque Stelle che tra l'altro garantisce la presenza come capolista del consigliere comunale di Chivasso Marco Marocco. Sarà proprio a lui che assegneremo la nostra preferenza e invitiamo i nostri colleghi di Brandizzo e del chivassese a fare altrettanto per avere un valido rappresentante delle nostre zone.

Non ci interessano le stelle, ma ci stanno a cuore le persone, i programmi e la rappresentatività del territorio".

"Nelle altre liste - continuano i consiglieri comunali - non vi è alcuna rappresentanza delle nostre zone e di certo, essendo noi completamente civici non possiamo rivolgerci a liste di partito e men che meno ad ammucchiate che vanno da sinistra a destra dove prevale solo la logica dei partiti anzichè quella del territorio. Sono, inoltre, liste piene di sindaci che vogliono fare la scalata e avere doppi incarichi, crediamo invece che ci siano molti assessori e consiglieri comunali validi che possono ricoprire il ruolo di consigliere della Città Metropolitana. I sindaci se vogliono far bene il loro lavoro facciano i sindaci e nient'altro!"

I consiglieri della Città Metropolitana - chiosa il capogruppo Giuseppe Deluca - dovranno essere uno strumento di partecipazione, sincera e diretta a tutte le scelte e le proposte derivanti dalla Città Metropolitana, sarà necessario aprire l'istituzione ai cittadini, garantire la democrazia ai cittadini e ai Comuni, difendere il territorio e il bene comune".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città metropolitana, Deluca:"Necessario votare l'unica lista fuori dai partiti, quella del M5S"

TorinoToday è in caricamento