Politica

Milano-Cortina 2026, Appendino: "Scelta incomprensibile: chiederemo spiegazioni"

La reazione della sindaca di Torino

La polemica foto pubblicata dalla sindaca nel suo post su Facebook

Dopo la notizia dell'ufficializzazione della candidatura di Milano e Cortina alle Olimpiadi del 2026, con la conferma dell'esclusione di Torino, arrivano le prime reazioni politiche. Una delle prime a commentare la notizia è la sindaca Chiara Appendino che definisce il progetto Milano-Cortina "Incomprensibile": " ... Si tratta di andare a costruire ed edificare dove non ci sono gli impianti e le infrastrutture idonee - dichiara su Facebook -. Torino era la meno costosa, la più sostenibile, la candidatura naturale per l’Italia. Chi si assume le responsabilità di questa scelta dovrà fornire opportune spiegazioni al Paese, noi certamente ne chiederemo conto, visto che il Cio stesso invitava in modo esplicito a riutilizzare l’eredità post olimpica". 

E continua: "Tengo a ricordare che, nonostante il Coni avesse avviato anzitempo l’iter di candidatura con la sola Milano, Torino si era ufficialmente candidata, come da dossier presentato al Coni lo scorso luglio e da delibera approvata dalla mia maggioranza in Consiglio Comunale. La nostra proposta è stata poi inspiegabilmente lasciata in disparte, salvo una ipotesi di candidatura a 3, poi tramontata, dove a Torino veniva assegnata 1 disciplina e mezza: il pattinaggio di velocità e l’hockey maschile".

Infine la sindaca chiede spiegazioni a proposito dei costi dell'evento: "Allo stato attuale, inoltre, manca completamente chiarezza e trasparenza sui costi reali che, secondo le stime più realistiche, si aggirano intorno al miliardo di euro, e su chi garantirà questi fondi, visto che il governo ha dichiarato esplicitamente che non metterà i soldi".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano-Cortina 2026, Appendino: "Scelta incomprensibile: chiederemo spiegazioni"

TorinoToday è in caricamento