Ex Moi, Chiamparino: "Sgombero anticipato? La Regione non ci sta"

Il governatore contesta il patto tra Appendino e Salvini

Il precedente sgombero, immagine di repertorio

Chiamparino dice no al patto Appendino - Salvini sullo sgombero anticipato, entro la fine dell'anno, dell'ex villaggio olimpico. "Se quello del Moi diventa uno sgombero - ha dichiarato il governatore del Piemonte - , allora è un problema di ordine pubblico e noi non c'entriamo perché non abbiamo le competenze. E quindi, come è giusto che sia, passerà in capo a Questura e prefettura". 

Fondamentalmente il presidente sottolinea il fatto di essere stato escluso dalle decisioni:" Non siamo stati coinvolti, aspetto di capire se è cambiato il progetto. Se resta un progetto condiviso - ha aggiunto - , allora vedremo come accorciare i tempi". Parole a cui la sindaca Appendino ha replicato sottolineando il fatto che per lo sgombero "non verrà utilizzata la forza e si seguirà la stessa procedura usata per liberare la prima palazzina".

Dello stesso parere di Chiamparino è anche l'assessora regionale all'Immigrazione, Monica Cerutti, che mette sotto accusa il decreto sicurezza: "sta mettendo a rischio i percorsi di inclusione ipotizzati in precedenza per molti degli abitanti di quel complesso - ha tuonato - . Non solo, siamo convinti che il nuovo decreto legge sicurezza porterà a un aumento dell'emarginazione e dei casi come l'Ex-Moi e anche per questo stiamo presentando ricorso alla Corte Costituzionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento