menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centrale idroelettrica, ancora incertezze sul progetto finale

Ad un anno e mezzo dalla firma con le ditte che si sono aggiudicate l'appalto, di cantieri ancora non se ne parla. E c'è da far luce sul disegno finale

Naviga ancora in alto mare il progetto della centrale idroelettrica che dovrebbe sorgere sul fiume Po, nei pressi della Gran Madre, in corrispondenza della traversa Michelotti. Un anno e mezzo fa c'è stata la firma delle due ditte che si sono aggiudicate l'appalto e quindi fatte carico della costruzione dell'oper ma a oggi non è ancora chiaro quale sia il disegno definitivo. 

L'amministrazione infatti avrebbe presentato, su progetto della società aggiudicataria del bando dell'opera, una modifica del disegno iniziale, quello approvato dal consiglio comunale, che renderebbe più impattante sul panorama circostante, il risultato finale.

 " La centrale verrebbe costruita sulla sponda destra del fiume - ha spiegato Maurizio Trombotto di Sel che a questo proposito ha presentato un'interpellanza - mentre il progetto originario prevedeva l'opera incassata nella sponda destra, a valle del ponte con un impatto decisamente meno incisivo sul panorama. Sarebbe opportuno conoscere finalmente nel dettaglio quale saranno gli effettivi stravolgimenti del progetto - ha continuato - e a che punto sono i finanziamenti dell'Unione Europea a proposito della navigabilità sul fiume".  

Con la costruzione della centrale idroelettrica, che all'anno porterebbe 5,8 gigawattora di energia pulita alla città, si è parlato infatti di rendere navigabile il Po a valle, fino al ponte di Sassi. "Sarebbe invece opportuno puntare ed estendere la navigabilità verso monte - ha aggiunto ancora Trombotto -, ripristinare i due attracchi per i battelli già esistenti e magari fare in modo di renderla utile al campeggio che un privato sta per realizzare al confine con Moncalieri".

Della convocazione di un tavolo tecnico, promesso anche alle associazioni ambientaliste locali in attesa anch'esse di dettagli, per ora non se ne parla ancora. 
L'assessore Claudio Lubatti in realtà, proprio stamane, ha dichiarato di non saper ancora dare una risposta precisa in merito a queste domande: " Domani ho un programma un incontro con l'impresa è solo nei prossimi giorni se ne saprà di più". In ogni caso la questione verrà ancora discussa in commissione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento