Lo striscione di protesta di CasaPound: "No Suk a Mirafiori"

E sabato 24 marzo, a dire no al mercato di libero scambio, ci sarà anche la Lega

Lo striscione comparso a Mirafiori

In via Onorato Vigliani angolo Strada delle Cacce, è comparso uno striscione di protesta di CasaPound che si schiera con gli abitanti del quartiere. "No Suk a Mirafiori", recita la scritta: un secco "no" all'idea dell'amministrazione comunale di spostare il Barattolo in zona. 

“Questa amministrazione non smette di sorprendere per le scelte ridicole di cui si macchia. Non fossero drammatiche per il futuro di questa città, le politiche della sindaca Appendino e della sua giunta sarebbero comiche. Cosa sperano di ottenere spostando da una parte all’altra della città il disagio creato da questo mercato itinerante che altro non è che un ricettacolo di malaffare e squallore?”.

A parlare è Matteo Rossino, responsabile provinciale di CasaPound, che continua: “Con questo striscione vogliamo comunicare forte e chiaro che l’amministrazione comunale deve smetterla di prendere in giro i cittadini. Per i 5 Stelle l’attenzione alle periferie è mero spot elettorale e questo si è capito da un pezzo, ma l’incapacità di questa giunta - che ci lascia di stucco ogni giorno di più - rischia di creare danni irreversibili per il tessuto sociale torinese". 

A criticare duramente la scelta di spostare il problema Barattolo anche Marco Racca, coordinatore regionale di CasaPound: “L’ex Suk è un covo di illegalità: merce rubata, contraffatta, lontana dalle norme igienico-sanitarie di un Paese civile viene impunemente venduta o scambiata. Qualche mese fa inoltre, il mercato di via Carcano è stato teatro di un brutale omicidio in pieno giorno. A che gioco gioca la sindaca Appendino? I problemi si risolvono, non si spostano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche la Lega domani, sabato 24 marzo, sarà presente in via Artom, all'angolo con via Vigliani per dire no al mercato di libero scambio: "Nè lì, nè da nessun'altra parte". Fabrizio Ricca, capogruppo in comune era stato chiaro: "Il mercato va chiuso, non spostato".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento