"Due uomini non fanno una madre", comparsi i manifesti choc contro le coppie gay con figli

Appendino: ”Continuerò le trascrizioni all’anagrafe”

Si sono visti anche a Torino i manifesti “choc” di Pro Vita Onlus e Generazione Famiglia contro la gestazione per altri. Una campagna che si oppone con fermezza all’utero in affitto e che sui cartelloni, diffusi anche a Roma e Milano, tuona: “Due uomini non fanno una madre”, proponendo un’immagine simbolica forte. Sul manifesto infatti si vedono due uomini che spingono un carrello della spesa con dentro un bambino in lacrime, a voler sottolineare che “i bambini non si comprano “.

Secondo Pro Vita le donne, nell’ambito di questa pratica, non scelgono liberamente cosa fare del proprio corpo, “sono schiave e ignare dei rischi per la salute a cui si sottopongono”. E la sindaca Chiara Appendino, che recentemente a Torino, ha reso possibile l’iscrizione all’anagrafe dei figli delle coppie omosessuali nati all’estero, è stata chiamata in causa e non ha tardato a rispondere sui social:

“Ma due persone che si amano fanno una famiglia. Continuerò le trascrizioni e non smetterò di dare la possibilità a questo amore di realizzarsi”. 

Anche Monica Cerutti, assessora regionale ai Diritti civili, ha risposto allo slogan “Due padri non fanno una madre. Stop utero in affitto” comparso a Torino: “Troviamo questa campagna dei Pro Vita antistorica. – ha affermato - Nella realtà di tutti i giorni non c’è una sola famiglia ma tante di diverso tipo. Questo continuiamo a sostenere anche attraverso le nostre politiche. Il riconoscimento delle famiglie con due padri o due madri non toglie nulla alle famiglie tradizionali. Tutti hanno il diritto di essere felici”.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Cade con la moto e sbatte la testa contro il marciapiedi, ragazzo morto

Torna su
TorinoToday è in caricamento