Buquicchio: “Ancora una volta la legge viene presentata in ritardo”

Il capogruppo Idv in Regione: "Ancora una volta la maggioranza presenta in aula la Finanziaria oltre i limiti previsti dalla legge "

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

“Ancora una volta la maggioranza presenta in aula la Finanziaria oltre i limiti previsti dalla legge nonostante gli avvertimenti della Corte dei Conti e dei Revisori dei Conti. Se la Finanziaria fosse stata presentata entro fine Dicembre, come dettato anche da un articolo dello Statuto piemontese, non si sarebbero presentati i numerosi dubbi di legittimità dovuti alla sentenza del Tar Piemonte che ha, di fatto, annullato le elezioni del 2010 imponendo al Consiglio ed alla Giunta un'operatività limitata ai provvedimenti indifferibili ed urgenti. Tra gli altri provvedimenti, nel testo di legge, si confermano gli aumenti all'Irpef regionale che hanno colpito e continuano a colpire in particolare le fasce più deboli”.

E' quanto afferma Andrea Buquicchio, capogruppo IdV al Consiglio regionale del Piemonte, in merito alla discussione avvenuta oggi sulla finanziaria 2014.

“Lo scorso mese di maggio – osserva Buquicchio - questo Consiglio approvava l’ultima Finanziaria. Era un provvedimento pieno di buoni propositi: contenimento delle spese di funzionamento di enti, agenzie, consorzi, società direttamente partecipate o partecipate dalle finanziarie regionali; ripiano dei debiti della Regione e delle aziende sanitarie regionali ed il Piano di riordino delle Agenzie territoriali per la Casa. Tutto è rimasto lettera morta ed anzi è aumentata la tassazione per i cittadini Piemontesi. Penso che la stessa sorte toccherà alla finanziaria 2014”.

Torna su
TorinoToday è in caricamento