Politica

Grillo attacca Chiamparino: "Basta con la speculazione edilizia"

Il Movimento a 5 stelle torinese si scaglia contro la giunta Chiamparino accusando l'amministrazione di portare avanti da mesi una "politica speculatoria" legata all'edilizia con interventi che "mettono in svendita la città"

“Operazioni di pura speculazione edilizia che non tengono conto degli interessi e della qualità di vita dei torinesi”. L’accusa, lanciata dai grillini del Movimento a 5 Stelle alla giunta Chiamparino, fa riferimento agli ultimi progetti approvati dall’amministrazione relativi all’impianto urbanistico cittadino. Tutti interventi che, a detta della “formazione politica” di Grillo, sarebbero evidenti segnali di una “politica speculatoria”: dall’approvazione lo scorso febbraio della variante 200 al piano regolatore che prevede la trasformazione del quadrante est della città, tra cui la creazione di un nuovo quartiere residenziale nella zona dello scalo Vanchiglia, alla cessione a privati dei diritti edificatori su una parte del parcheggio di piazza Bengasi per 35 milioni che serviranno a finanziare la metropolitana, per finire con il sì in commissione comunale alla costruzione di un edificio a 7 piani in via Riberi, angolo via Ferrari, che andrebbe a nascondere la vista della Mole Antonelliana, “peggiorando le condizioni di luce dei palazzi limitrofi”. I militanti del gruppo di Beppe Grillo si propongono piuttosto di contrastare “in tutti i modi possibili” simili interventi e di “attuare azioni per le quali riqualificare non voglia dire abbattere per costruire grattacieli e/o centri commerciali ma ristrutturare e recuperare l’edilizia esistente” sempre nell’ottica di “migliorare la qualità della vita dei cittadini torinesi”.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grillo attacca Chiamparino: "Basta con la speculazione edilizia"

TorinoToday è in caricamento