Politica

Solidarietà alle vittime del Bardo, i consiglieri evitano la colletta

Il sindaco Fassino ha sostenuto generosamente le vittime e i familiari dell'attentato di Tunisi di un anno fa ma i consiglieri non hanno seguito il suo esempio

Mentre oggi è stata convocata una seduta straordinaria del Consiglio Comunale, per trattare la deliberazione sull' “Istituzione della Giornata cittadina della memoria delle vittime innocenti dell’attentato al Museo del Bardo”, è già polemica.

Nei corridoi di Palazzo Civico corre infatti voce che, mentre in questi giorni i consiglieri si domandano se rendere ufficiale o meno il triste anniversario della tragedia che un anno fa ha visto coinvolti alcuni dipendenti comunali nell'attentato al Museo di Tunisi, a livello concreto gli stessi abbiano fatto poco o nulla.

Ad aprire il portafoglio come atto di solidarietà nei confronti delle vittime sarebbero infatti stati in pochi mentre generoso si dice essere stato il contributo del sindaco Piero Fassino - pare un decimo della somma totale raccolta - già consegnato ai familiari delle vittime la scorsa estate.

Ma la generosità del primo cittadino non è stata presa come esempio dai consiglieri che in molti hanno affermato di non essere nemmeno a conoscenza dell'esistenza di una colletta. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solidarietà alle vittime del Bardo, i consiglieri evitano la colletta

TorinoToday è in caricamento